Canada, selfie con l'amica su Facebook e poi la uccide: nella foto c'è un particolare che la incastra

Giovedì 18 Gennaio 2018
10
Selfie con l'amica su Facebook, poi la uccide: incastrata dalla foto
Pubblica su Facebook un selfie con la sua amica e poi la uccide. Ad incastrarla però è stata proprio la foto messa sul social, in cui si vede un particolare che prova lo strangolamento dell'altra ragazza.



L'omicidio della 18enne Brittney Garol è avvenuto nel 2015, ma solo oggi la 21enne Cheyenne Rose Antoine, 21 anni di Saskatchewan, in Canada, è stata incriminata. Le due erano molto amiche, a confermarlo sono i diversi scatti insieme sui social, in cui sembrano affiatate e sorridenti, ma l'alcol e le droghe hanno portato alla tragedia.

Cheyenne dopo quello scatto, ha infatti strangolato la sua amica, confessando di essere stata ubriaca, di aver fumato marijuana. Le due avrebbero litigato e a quel punto è stata colta da un raptus: la 21enne ha preso la cinta e l'ha stretta intorno al collo di  Brittney fino ad ammazzarla. Inizialmente l'omicida aveva detto di aver lasciato sola l'amica con un uomo, colpevole del reato, ma dopo vari interrogatori ha confessato.

Sempre sui social, la ragazza aveva scritto diversi messaggi accorati, disperandosi per la perdita dell'amica. La sua unica intenzione, però, era quella di depistare le indagini. Ora Cheyenne è stata condannata a 7 anni di carcere. Ultimo aggiornamento: 21 Gennaio, 14:26 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

I lucchetti di Ponte Milvio si aprono con le chiavi di Villa Pamphili

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma