Migrante respinto dalla Germania si suicida, Seehofer nella bufera: «Non è colpa mia»

Migrante respinto dalla Germania si suicida, Seehofer nella bufera: «Non è colpa mia»
Il ministro dell'Interno tedesco Horst Seehofer nella bufera in seguito al suicidio di un migrante richiedente asilo afgano al quale è stata respinta la domanda. «È giunto il momento che Seehofer se ne vada», ha detto Jan Korte del partito di estrema sinistra Die Linke. Sul piede di guerra anche i Verdi. «Lui non ha fallito solo moralmente, semplicemente non ha capito il principio del primo articolo della nostra Costituzione» ha affermato Omid Nouripour, deputato di origine iraniana del partito, citato dal sito web del Die Zeit. Ma il "falco" si difende: «Non è colpa mia»

LEGGI ANCHE Migranti, Salvini vede Seehofer: asse Italia-Germania, frontiere protette

Il richiedente asilo è stato uno dei 69 afghani rimpatriati dalla Germania questa settimana. I commenti cinici di Seehofer sul volo, avvenuto in coincidenza con il suo 69esimo compleanno, hanno suscitato feroci critiche e polemiche, anche in considerazione del fatto che l'Afghanistan non è considerato un paese sicuro e perché un accordo con Kabul prevedeva che i rimpatri non avvenissero per più di cinquanta persone in contemporanea.

Dei 69 migranti, 51 sono stati deportati dalla Baviera, lo stato di origine del signor Seehofer. Il suicidio del giovane è stato confermato oggi dalle autorità afghane e dall'Organizzazione Internazionale per la Migrazione (Oim). Il ministero per i Rifugiati di Kabul ha fatto sapere che il giovane, la cui identità non è stata rivelata, è stato trovato morto nella stanza dell'albergo che gli era stato assegnato dall'Oim, nell'attesa di poter raggiungere la città di origine, Herat.
Giovedì 12 Luglio 2018 - Ultimo aggiornamento: 01:06

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 17 commenti presenti
2018-07-13 18:02:00
E allora tutti i carcerati che si suicidano? Forse che i ministri dell'interno si dimettono se un carcerato si uccide?
2018-07-12 16:41:40
Quelli di prendiamoli tutti, smessi i panni degli sciocchi samaritani, prontissimi a cambiarsi di abito e a indossare quelli degli sciacalli. Ed ecco pronti ad imbracciare le doppiette e, dato avvio alla Open season, a spare ad alzo zero su Seehofer. Ed hanno pure ragione perche' il suicida afghano era una bravissima persona arrivata in Germania per lavorare, lavorare, lavorare e, soprattutto, farsi tedesco. Per integrarsi meglio si era pure ossigenato. Sono, infatti, solo fake news quelle che lo indicano come persona dedita allo spaccio di droga, con sigillo imposto da condanna e che fosse anche un ladro, altra condanna. Si, prendiamoli tutti, soprattutto se sono delinquenti, per accontentare i felloni e gli stupidi di professione. Anzi, meglio, i felloni stupidi di professione.
2018-07-12 16:01:05
attenti a pensare!!!!
2018-07-12 15:54:55
Vogliono venire in Italia ,perché qui si mangia e si beve gratis...! Al loro paesello , devono lavorare sodo per ottenere quello che qui gli viene donato.Inoltre , qui non ci sono leggi severe non c'è carcere serio .Quanta gente è morta per colpa di questi incivili.In Germania poco tempo fa è stata stuprata e poi uccisa una ragazzina di soli 13 anni , da un richiedente asilo...! Africani ,musulmani ,iracheni...FUORI dall'Europa. Nessuno li vuole , a nessuno interessa la loro sorte. BASTA .
2018-07-12 15:50:22
Tutte le persone che si sono suicidate x colpa del governo nessuno ne parla. .adesso solo perché è immigrato si fa tutta questa polemica. .basta adesso. .chi non ha diritto di rimanere deve essere rispedito a casa anche con la forza
QUICKMAP