San Pietroburgo, Gentiloni: «Sgomento per l'attentato, l'Italia è vicina al popolo russo»

San Pietroburgo, Gentiloni: «Sgomento per l'attentato, l'Italia è vicina al popolo russo»
3 Minuti di Lettura
Lunedì 3 Aprile 2017, 17:53 - Ultimo aggiornamento: 19:44

«Sgomento per l'attentato nella metro. Solidarietà alle famiglie delle vittime. Italia vicina a governo e popolo russo». Lo scrive su Twitter il premier Paolo Gentiloni, dopo l'esplosione avvenuta nella metro di San Pietroburgo.

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha inviato un messaggio al Presidente della Federazione Russa, Vladimir Vladimirovich Putin: «Ho appreso con costernazione la notizia dell'esplosione che ha appena provocato vittime e numerosi feriti tra i passeggeri della metropolitana di San Pietroburgo. Seguo con viva apprensione gli sviluppi di questo tragico avvenimento e desidero porgere a lei e all'amico popolo russo il sentito cordoglio degli italiani tutti e mio personale».

Il ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Angelino Alfano, ha espresso la sua «più ferma condanna e il cordoglio e la vicinanza dell'Italia allo Stato e al popolo russo per l'attentato avvenuto poche ore fa a San Pietroburgo. Alle famiglie delle vittime desidero esprimere calorosa solidarietà. Ai numerosi feriti va il nostro augurio di pronta guarigione. L'Italia continuerà ad essere vicina alla Russia nella lotta contro il terrorismo, a favore della pace e sicurezza internazionale».

Il presidente del Senato, Pietro Grasso, ha inviato ai Presidenti delle Camere della Federazione Russa una lettera con la quale esprime «affettuosa solidarietà al popolo russo» e la più netta condanna della «violenza rivolta in qualsiasi forma contro civili inermi». Grasso ribadisce infine la massima determinazione ad «avversare il terrorismo con le armi del diritto e della cooperazione internazionale».

«Dopo le notizie arrivate da San Pietroburgo, insieme con tutti i ministri degli Esteri dell'Ue, i nostri pensieri sono con il popolo della Russia», ha twittato l'Alto Rappresentante dell'Ue per gli Affari Esteri, Federica Mogherini, da Lussemburgo per il Consiglio Affari Esteri.

Messaggio di solidarietà via Twitter anche dal sindaco di Roma, Virginia Raggi: «Profondo cordoglio per vittime attentato #SanPietroburgo. Roma si stringe al fianco del popolo russo».

Il leader della Lega Nord, Matteo Salvini, ha scritto su Facebook: «Decine di morti e feriti in metropolitana a San Pietroburgo. Una preghiera, ma non basta più. Dobbiamo stanare, fermare e cancellare dalla faccia della terra questi assassini, con ogni mezzo necessario, prima che sia tardi».

Reazioni anche da leader politici internazionali, come il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che ha definito l'attentato «una cosa terribile».

«La Francia si tiene pronta a rispondere a qualsiasi richiesta di assistenza possa essere avanzata dalla Federazione russa»: lo fa sapere l'Eliseo in un comunicato di «solidarietà al popolo russo» dopo l'attentato nella metropolitana di San Pietroburgo. In un comunicato, il presidente François Hollande sottolinea che «questo tragico avvenimento ricorda la necessità di una vigilanza in ogni momento». Hollande, conclude il comunicato, «parlerà con il presidente Putin al più presto».

La candidata del Front National alle presidenziali francesi di aprile e maggio, Marine Le Pen, che scrive: «Rivolgo tutte le mie condoglianze al popolo russo dopo le esplosioni a San Pietroburgo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA