Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Usa, esplode un razzo a Cape Canaveral

Usa, esplode un razzo a Cape Canaveral
di Paolo Ricci Bitti
2 Minuti di Lettura
Giovedì 1 Settembre 2016, 15:55 - Ultimo aggiornamento: 4 Settembre, 18:28

Esplosioni con successivi incendi nella rampa di lancio della SpaceX nella zona militare della base di Cape Canaveral in Florida. Distrutto un razzo lanciatore Falcon 9. La compagnia di Elon Musk ha diffuso una nota, confermata dall'aeronautica militare, in cui si indicano problemi non meglio definiti che hanno causato alle 9.07 (ora locale) un'esplosione durante una serie di test ai motori del vettore che il 3 settembre avrebbe dovuto portare in orbita un satellite israeliano (Amos 6) che è andato in cenere. Fra gli utilizzatori principali previsti per quel satellite c'era anche Facebook nell'ambito di un progetto per portare Internet nelle aree più remote del mondo tra cui l'Africa sub-sahariana

I media locali riportano di numerose esplosioni rimbombate fino a edifici a grande distanza. Il test viene definito di routine dal Kennedy Space Center della Nasa, che non è coinvolta nelle operazioni, anche se si tratta sempre di una fase molto delicata nella gestione di tonnellate di carburante. Non risultano tuttavia feriti e, sempre secondo la Nasa, non vi sono pericoli per il personale della base e il pubblico in visita.
 

 

La compagnia del magnate sudafricano ha puntato con forza sulla strategia di recupero del primo dei due stadi, il più potente, dei lanciatori Falcon che riatterrano una volta esaurito il carburante.  Si tratta di uno stadio composto da nove motori Merlin a ossigeno liquido. Per sei volte SpaceX è riuscita far atterrare con successo il primo stadio, ma si sono anche registrati alcuni fallimenti soprattutto quando la base di atterraggio è stata allestita, per motivi di sicurezza, in mare. L'incidente più grave è costituito dalla esplosione che nel giugno dell'anno scorso ha distrutto un Falcon che avrebbe dovuto portare in orbita una navetta Dragon con i rifornimenti per la stazione spaziale internazionale.

Secondo SpaceX il riutilizzo del primo stadio comporta un risparmio del 30% delle spese per la messa in orbita di satelliti. La costruzione di un vettore Falcon 9 costa 60 milioni di dollari mentre per un "pieno" di carburante servono 300mila dollari. 

Il vettore Falcon 9. alto 70 metri e pesante 500 tonnellate,  è anche il fulcro del programma di Space X sia per il prossimo trasporto degli astronauti per la stazione spaziale sia per i programmi di turismo spaziale, obbiettivi certo più prossimi dell'obbietivo Marte che pure Musk ha messo nel mirino. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA