Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Usa2016, agli amanti del sesso di PornHub piace Bernie Sanders

I risultati del sondaggio riportati sul sito di PornHub
di Giulia Aubry
3 Minuti di Lettura
Sabato 5 Marzo 2016, 18:11 - Ultimo aggiornamento: 18:37

Le loro categorie preferite potrebbero essere granny e mature. Il loro candidato preferito per le primarie statunitensi è sicuramente Bernie Sanders. E' questo l'incredibile risultato di un sondaggio lanciato dal sito di pornographic video sharing, in italiano condivisione libera di materiale video pornografico, PornHub.

Il sito, nato nel 2000 e tra i più frequentati dagli amanti del porno in tutto il mondo, nei giorni scorsi ha sottoposto ai suoi abituali visitatori un breve questionario. Ma non per conoscere le loro preferenze sessuali e i loro gusti in materia di video porno. Le domande riguardavano infatti chi avrebbero votato (o chi hanno votato visto che siamo ormai al giro di boa delle primarie statunitensi) alle elezioni per la scelta dei candidati repubblicani e democratici alla Casa Bianca.

E il risultato è stato sorprendente. Gli oltre 370.000 partecipanti al sondaggio hanno chiaramente indicato la loro preferenza per il 66enne Bernie Sanders, il democratico progressista (ai limiti del socialismo) che - con molta fatica - sta provando a sfidare Hillary Clinton. Tra gli utenti di PornHub che si sono dichiarati democratici nelle risposte al questionario, ben il 73,4% voterebbe (o ha votato) per Sanders.

Un dato che si conferma anche quando la domanda riguarda il possibile voto di novembre. Rispetto ai contendenti indicati nel sondaggio, Sanders ottiene il 31,1% delle preferenze contro il 19,6% di Donald Trump che vanta il favore del 60,5% degli utenti che si sono dichiarati repubblicani.

Decisamente "contro ogni tentazione" Hillary Clinton, ferma al 26,6% tra i democratici e a un triste 11,2% nella competizione generale. Mentre Marco Rubio e Ted Cruz potrebbero tranquillare rientrare nella categoria degli "asessuati" visto che insieme non raggiungono il 10%.

Forse i tailleurini della Clinton sono tutt'altro che sexy e non attraggono neppure i cultori di categorie di video porno come Female Agent o Secretary. Il fatto poi che il marito Bill le abbia preferito in passato stagiste procaci ma non bellissime come Monica Lewinsky non depone certo a suo favore. Magari tra coloro che le hanno accordato la preferenza si annidano amanti di frustini e dominatrici, desiderosi di essere sottomessi da quella che potrebbe diventare la donna più potente del mondo.

Ma se la Clinton non rientra nelle fantasie tipiche del frequentatore medio di PornHub, ancora più incredibile appare il favore accordato dagli stessi al canuto Bernie Sanders. In giovane età l'esponente liberal è stato attivo nei movimenti per i diritti civili (arrivando addirittura a essere arrestato), e forse qualche piccola trasgressione - quantomeno nell'immaginario collettivo - in quegli anni "caldi" e molto "liberi" potrebbe anche essersela concessa. Ma certamente poca roba rispetto ai gusti di chi ama filmarsi mentre fa sesso o guardare gli altri mentre lo fanno.

A scommettere sul vincitore prima della pubblicazione dei risultati forse Donald Trump sarebbe stato potenzialmente favorito. Non solo soldi e donne vanno decisamente d'accordo nelle fantasie erotiche maschili, ma le due mogli del newyorchese, che fa tremare i polsi ai repubblicani tradizionalisti, sono decisamente donne che si fanno guardare e che non disdegnano il sexy binomio di bellezza e cervello. Forse a giocare contro di lui ci si è messo il parrucchino e le "grandi mani" divenute argomento di dibattito politico negli ultimi giorni. E questo a dispetto di alcune credenze popolari.

Alla fine però Sanders ha surclassato tutti... persino - e questo è ancora più sorprendente - la categoria degli "indecisi". Coloro che hanno risposto "non so" si sono infatti attestati al 25,4%. Sei punti percentuali più di Trump e sei meno del non più giovane senatore del Vermont. I gusti sessuali dei frequentatori di PornHub possono anche essere differenti tra loro (e qualche volta perversi), ma le loro preferenze politiche sono chiare e, decisamente, anticonformiste.

© RIPRODUZIONE RISERVATA