Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Partorisce in auto, chiude il figlio in una busta e lo lascia sul tappetino: arrestata 21enne

Partorisce in auto, chiude il figlio in una busta e lo lascia sul tappetino: arrestata 21enne
di Alessia Strinati
2 Minuti di Lettura
Martedì 7 Agosto 2018, 20:36 - Ultimo aggiornamento: 9 Agosto, 14:46
Partorisce il figlio in auto, poi lo chiude in un sacchetto della spazzatura e lo lascia sul tappetino della vettura dopo essere tornata a casa. A scoprire cosa era accaduto è stata la polizia che ha trovato il neonato, ormai cadavere, nell'automobile parcheggiata davanti all'appartamento della 21enne Brennan Hailey Geller.

LEGGI ANCHE Neonato lasciato morire arrestata la madre è accusata di omicidio aggravato



La ragazza, che lavorava come dipendente di una palestra, era riuscita a nascondere a tutti la sua gravidanza. Quando è stata colta dalle doglie era in auto, così ha deciso di accostarsi, partorire e "sbarazzarsi" di quello che per lei era un problema. Nessuno dei suoi amici a Lexington, nel Sud Carolina, o i suoi genitori sapeva nulla e sospettava di qualcosa di simile, ha spiegato il Daily Mail.

Le autorità hanno ricevuto un'allerta da parte dell'ospedale dopo che la ragazza il giorno seguente è andata in pronto soccorso. I suoi malesseri erano legati al parto e dalla visita è emerso che aveva avuto un bambino da poco, ma la donna diceva di non avere figli. Ora Geller rischia fino a 20 anni di carcere. Intanto si sta cercando di capire se il bambino sia nato morto o lo abbia ucciso la madre chiudendolo nella busta di plastica, solo i risultati dell'autopsia sveleranno il dettaglio basilare ai fini processuali.
© RIPRODUZIONE RISERVATA