DONALD TRUMP

Obama in Sud Africa celebra Mandela e attacca Trump: «Politica di paura e rancore»

Martedì 17 Luglio 2018
4

Barack Obama torna in campo davanti a 15mila persone a Johannesburg, in Sud Africa, ospite d'onore alla cerimonia per i 100 anni dalla nascita di Nelson Mandela e attacca snza nominarlo Donald Trump denunciando la «politica della paura, del rancore», che viaggia veloce. E in un modo «inimmaginabile solo qualche anno fa». Le parole dell'ex presidente degli Stati Uniti arrivano all'indomani del criticatissimo incontro fra il suo successore e Vladimir Putin.

Obama nel suo intervento porta proprio la vita di Mandela come esempio per tracciare i valori alla base di una road map, la sua, interrotta con la fine del secondo mandato presidenziale, ma che torna a indicare nel discorso più atteso da quando ha lasciato la Casa Bianca. Obama non menziona mai esplicitamente il suo successore, ma tiene per tutto il tempo il dito puntato su quella «politica dell'uomo forte» che rischia di fagocitare quanto raggiunto fin qui: «Avrei immaginato che a questo punto ne saremmo venuti a capo», dice, invocando il rispetto dell'eguaglianza tra le persone di ogni colore. E il rispetto dei «fatti»: «Senza i fatti non ci sono le basi per la collaborazione», avverte, per poi incalzare: «Non posso trovare terreno comune con qualcuno che ritiene che i cambiamenti climatici non siano una realtà, mentre la quasi totalità degli scienziati nel mondo dice il contrario».

Obama difende la stampa libera, condanna l'uso distorto e manipolatore dei social media in «tempi strani e incerti», ammonisce chi non rispetta le istituzioni che sono alla base della democrazia. E lo fa accolto dall'ovazione della platea che in coro scandisce il suo slogan: «Yes, we can!». In Sudafrica insomma l'ex presidente risponde così a chi si chiede da tempo, a Washington e oltre, "che fine ha fatto Obama?". Dopo la Casa Bianca ha scelto il basso profilo, ha optato per una militanza pacata e quasi tutta gestita dietro le quinte, con il lavoro della sua Fondazione e qualche incontro con esponenti democratici, mentre il partito ancora cerca la sua voce da contrapporre alle urla di Trump in vista delle elezioni di midterm ma anche delle presidenziali del 2020.

«Siamo a un bivio - afferma Obama - un momento in cui due visioni molto diverse del futuro dell'umanità competono per i cuori e le menti dei cittadini nel mondo. Lasciatemi dire ciò in cui io credo. Credo nella visione di Nelson Mandela, credo nella visione condivisa da Gandhi, da Martin Luther King e da Abramo Lincoln. Credo in una visione di equità, giustizia, libertà e democrazia multirazziale basata sul principio che tutte le persone sono create uguali e investite dal nostro creatore di diritti inalienabili. E credo che un mondo governato da tali principi sia possibile. Ecco cosa credo».

 

Ultimo aggiornamento: 18 Luglio, 12:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Vacanze studio all’estero: «Ciaone» e zero contatti

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma