Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Messico, il giallo dei tre napoletani scomparsi: «Prime informazioni dopo la taglia da 90mila euro»

Messico, il giallo dei tre napoletani scomparsi: «Prime informazioni dopo la taglia da 90mila euro»
1 Minuto di Lettura
Venerdì 6 Aprile 2018, 13:31 - Ultimo aggiornamento: 17:10

La ricompensa da due milioni di pesos (circa 90mila euro) messa a disposizione di chiunque dia informazioni alle famiglie dei tre napoletani scomparsi in Messico «sta già producendo i suoi frutti: sono arrivate prime notizie, da verificare ovviamente, ma qualcosa si muove». Lo ha reso noto l'avvocato Luigi Ferrandino, legale delle famiglie Russo e Cimmino, nel corso di una conferenza stampa a Napoli.

Durante l'incontro - a cui hanno preso parte anche alcuni familiari di Raffaele e Antonio Russo, e di Vincenzo Cimmino, di cui non si hanno notizie dallo scorso 31 gennaio - l'avvocato e i familiari hanno sottolineato che è loro intenzione rendere disponibili queste notizie a investigatori italiani e non messicani. «Il ministero invii sul posto inquirenti italiani - ha detto ancora Ferrandino - oppure, se già ci sono, ci faccia giungere rassicurazioni». L'avvocato e le famiglie hanno anche lanciato un appello al governo messicano: «Anche loro propongano, così come abbiamo fatto noi, una ricompensa».

© RIPRODUZIONE RISERVATA