India, muore risucchiato dalla risonanza magnetica

Martedì 30 Gennaio 2018
12
In India un uomo di 32 anni è morto «ucciso» da una macchina per la risonanza magnetica. Il tecnico, riporta il Guardian, è entrato con una bombola di ossigeno nella stanza del dispositivo convinto che fosse spento, ed è stato invece risucchiato dal potente magnete della risonanza, che invece era acceso.

L'incidente è avvenuto domenica notte al Nair Hospital di Mumbai. Secondo le prime ricostruzioni a uccidere l'uomo sarebbe stata l'inalazione di ossigeno liquido proveniente dalla bombola, danneggiata dall'impatto con la macchina per la risonanza. Alla vittima sarebbe stato dato il via libera a entrare nella stanza da due medici, che ora sono stati arrestati.

«Un'indagine è stata subito iniziata - afferma Ramesh Barbal, portavoce del'ospedale - per determinare le cause della morte, e il filmato delle telecamere a circuito chiuso è stato acquisito dalla polizia». Non è il primo incidente che coinvolge la risonanza. Nel 2014 a Nuova Delhi due persone sono state ferite sempre dalle bombole di ossigeno, necessarie alla manutenzione, mentre nel 2001 un bimbo di sei anni è stato ucciso da una bombola che l'ha colpito alla testa. 
Ultimo aggiornamento: 1 Febbraio, 16:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

«Mi metti il codice?». Quel sottile piacere di bloccare tutte le app

di Raffaella Troili