Migranti, l'Ue stringe i tempi: «Lavoro già 6 mesi dopo la richiesta asilo, minori mai in carcere»

Giovedì 14 Giugno 2018
20
Migranti, l'Ue stringe i tempi: «Lavoro già 6 mesi dopo la richiesta asilo, minori mai in carcere»
È stato raggiunto l'accordo oggi tra Eurocamera e Consiglio Ue sulle condizioni di accoglienza per i profughi, uno dei tasselli che compone la riforma del Sistema comune d'asilo. I migranti che fanno richiesta di asilo in un Paese dell'Ue potranno iniziare a lavorare sei mesi dopo la presentazione della domanda (attualmente sono nove), frequentare fin da subito i corsi di lingua, e godere del diritto al servizio sanitario.

LEGGI ANCHE ----> Distensione Roma-Parigi, Conte va a Parigi

Obiettivo della revisione - si legge in una nota del Pe - è ridurre i movimenti secondari tra gli Stati europei. Tra i vari punti, l'intesa esclude il carcere per i minori. La detenzione dei bambini è prevista solo nei casi in cui occorra preservare l'unità familiare, o per motivi di protezione, e comunque mai in prigione. Inoltre, i piccoli dovranno entrare nel sistema scolastico non più tardi di due mesi dal loro arrivo.
Ultimo aggiornamento: 15 Giugno, 08:10 © RIPRODUZIONE RISERVATA