Migranti, a Palermo il vertice Osce. Alfano: «Mediterraneo sia un mare che unisce»

Migranti, a Palermo il vertice Osce. Alfano: «Mediterraneo sia un mare che unisce»
di Cristiana Mangani
3 Minuti di Lettura
Lunedì 23 Ottobre 2017, 21:40 - Ultimo aggiornamento: 24 Ottobre, 13:02

Ricollocazione volontaria nei paesi di origine per chi si trova nei campi in Libia, investimenti per la lotta contro i trafficanti di esseri umani, rafforzamento della collaborazione tra paesi partner del Mediterraneo. Sono i temi principali della due giorni di Conferenza mediterranea dell’Osce (Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione nel Mediterraneo, che si svolgerà a Palermo domani e dopodomani. Il ministro degli Esteri Angelino Alfano ha presentato oggi pomeriggio l’evento che porterà nel capoluogo siciliano i rappresentanti dei 57 Paesi membri dell’Osce, oltre a circa 300 delegati e al ministro degli Esteri libico Mohamed Taha Siyala in qualità di “invitato della Presidenza” (pur non essendo la Libia un Paese partner dell’organizzazione). La conferenza dà il via a un programma culturale di grande rilievo dedicato a “Italia, Culture, Mediterraneo” che comprende circa 500 iniziative che la Farnesina, attraverso la sua rete all’estero, realizzerà nel 2018 nei Paesi dell’area del Medio Oriente e del Nord Africa. Presenti, tra gli altri, il ministro degli Affari Esteri della Repubblica tunisina, Khemaies Jhinaou e il sindaco Leoluca Orlando.

Obiettivo: promuovere il rafforzamento della collaborazione tra l’Osce e i paesi partner del Mediterraneo (Marocco, Algeria, Tunisia, Egitto, Israele e Giordania); ribadire la stretta connessione tra la dimensione della sicurezza mediterranea e quella euro-asiatica dell’Osce; confermare che l’impegno italiano per il rafforzamento della dimensione mediterranea dell’Osce proseguirà anche nel 2018, anno in cui l’Italia avrà la presidenza dell’organizzazione. «Abbiamo scelto Palermo - ha spiegato Alfano - perché è un ponte tra culture. Vogliamo lanciare un messaggio chiaro: il Mediterraneo deve essere un mare che unisce e non che divide. Vorrei che proprio qui nascesse l’embrione di un progetto: lanciare l’Erasmus del Mediterraneo, che potrà essere un lascito importante di questa conferenza sulla sicurezza. Vogliamo parlare di cultura invece che di armi».

Il ministro ha incontrato nel pomeriggio il direttore esecutivo dell’Ufficio delle Nazioni unite per il controllo della droga e la prevenzione del crimine. E insieme hanno firmato un’intesa tecnica relativa al finanziamento di due progetti per un totale di 2,7 milioni di euro. «Ho già visto il collega tunisino con cui abbiamo affrontato alcune questioni importanti - ha concluso Alfano - e stasera il ministro israeliano per la cooperazione regionale per la sicurezza; a seguire altri incontri con il ministro ucraino, quello slovacco, moldavo e altri ancora. Sperimenteremo, sotto l’egida dell’Unhcr, la ricollocazione volontaria in ogni Paese che sarà disponibile dei rifugiati che si trovano nei campi della Libia».

© RIPRODUZIONE RISERVATA