Il kalashnikov, la matita e l’accoglienza

di Virman Cusenza
2 Minuti di Lettura
Giovedì 8 Gennaio 2015, 00:10 - Ultimo aggiornamento: 08:33

Un kalashnikov contro una matita. La violenza contro la satira. La prova che basta una vignetta ad accendere la miccia di una bomba nelle mani di chi vuole distruggere civiltà e uomini.

Quella matita è nostra, è l'architrave di libertà che regge - grazie a un sorriso - la capacità di guardarsi allo specchio e di combattere l’intolleranza con la tolleranza.

Sarebbe un errore pensare che questa sia una tragedia soltanto francese. Anzi, è molto più grave del terrorismo qaedista che colpì Madrid e Londra.

A Parigi si gioca una partita cruciale: è il laboratorio avanzato di un'integrazione che sta fallendo, a causa del lassez faire di decenni e di un confuso senso dell'accoglienza senza filtri, un venite purchessia.

Bisogna spegnere l'incendio e non lasciare che una matita sia la lancia spuntata di una cultura che, inerme, non oppone resistenza alla ferocia. Vogliamo continuare a pensare. Riflettiamoci bene.