Jay e Lauren, giravano il mondo in bici: uccisi dalI'Isis in Tagikistan

Jay e Lauren, giravano il mondo in bici: uccisi dalI'Isis in Tagikistan
2 Minuti di Lettura
Giovedì 9 Agosto 2018, 09:10 - Ultimo aggiornamento: 11 Agosto, 19:01

Avevano lasciato il lavoro e da un anno giravano il mondo in sella a una bici. Jay e Lauren, americani, 29 anni, erano fermamente convinti che «la gente» fosse «meravigliosa». Prima di incontrare l'Isis che li ha uccisi entrambi in un attacco terroristico in Tagikistan.
 

 

Day 365. 4,655 meters; 15,272 feet. With the steep grades and thin air (and intermittent snow), this was probably the hardest climb of my life. The last kilometer or so had me pushing my bike about five steps, taking a thirty-second breather, then heaving forward another five. Really glad I did it. No need to ever do it again.

Un post condiviso da Jay Austin (@simplycycling) in data:


«I media ti raccontano che il mondo è un posto grande e spaventoso, pieno di gente cattiva di cui non fidarsi. Io non me la bevo», scriveva Jay Austin, originario di Washington. Insieme alla fidanzata Lauren Geoghegan aveva dato avvio a un sogno: compiere il giro del mondo in mountain bike. Da luglio 2017 la coppia di viaggiatori, innamorati della vita e dei popoli, ha percorso chilometri e chilometri pedalando per 369 giorni. Fino a quando, una settimana fa, un’auto di terroristi Isis si è lanciata contro di loro travolgendoli e finendoli a coltellate e fucilate mentre percorrevano una strada panoramica nel sudovest del Tagikistan.

Troppo liberi, troppo felici per i terroristi a caccia di "miscredenti". Jay e Lauren viaggiavano senza orpelli né sovrastrutture. Semplicemente fidandosi delle persone che incontravano e chiedendo loro dritte. Semplicemente in bici, come avevano chiamato il blog per documentare l'impresa: symplycycling.org. L'ultimo loro post su Instagram è datato 25 luglio, quattro giorni prima del massacro. La coppia festeggiava il superamento del passo di Ak-Baital, a 4,655 metri di altitudine. Sotto quel post restano una valanga di "rip".
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA