Germania, scandalo migranti: Seehofer chiude il centro asilanti di Brema

A destra il ministro Horst Seehofer
Continuano le polemiche e il rischio che il governo tedesco entri in crisi non è affatto archiviato, anzi. Per questo, il ministro dell'interno Horst Seehofer ha deciso di chiudere l'ufficio dei migranti di Brema. 

Lo scandalo parte proprio dalle presunte irregolarità nelle domande di asilo dell'Ufficio migrazione e rifugiati (Bamf) della città tedesca.

La chiusura dell'ufficio rappresenta un tentativo di porre freno a un caso che minaccia di colpire il neo ministro degli interni, in carica da pochi mesi, e già atteso la prossima settimana per un'audizione in commissione interni per chiarire la vicenda. Ieri c'era stata un'ulteriore escalation, quando si era saputo che la procura di Norimberga-Fuerth aveva aperto un fascicolo sulla direttrice del Bamf, Jutta Cordt, alla guida dell'Ufficio migrazioni federale dal 2017. Il caso specifico riguarda circa 1200 domande di asilo, esaminate tra il 2013 e il 2016, per cui si presume sia stata data una risposta positiva in assenza di criteri giuridici verificabili.
Mercoled├Č 23 Maggio 2018 - Ultimo aggiornamento: 22:53

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
QUICKMAP