Gb, 23enne precipita dalla scogliera e muore mentre posa per la foto

Venerdì 13 Ottobre 2017 di Federica Macagnone

Doveva essere la foto perfetta scattata in uno dei luoghi più suggestivi della Gran Bretagna. Un salto con le gambe e le braccia alzate e il sorriso stampato sul volto. Ma Hyewon Kim, 23 anni, aveva sottovalutato il pericolo: è precipitata da un'altezza di 60 metri mentre posava per quello che sarebbe stato il ricordo più bello della sua escursione alla scogliera di Seven Sisters (sette sorelle), nel Sussex. Per oltre tre mesi gli investigatori hanno esaminato il caso per capire cosa fosse successo: ma quelle immagini e le testimonianze non lasciano dubbi. Si è trattato di un tragico incidente dovuto all'imprudenza della ragazza.
 

 

Hyewon, studentessa sudcoreana, si era trasferita nel Regno Unito per migliorare il suo inglese: da anni sognava di poter vedere quelle bianche scogliere che si affacciano sulla Manica e il 22 giugno il suo desiderio si è esaudito. Era sola in quella gita e ha chiesto a uno sconosciuto di scattare alcune foto che mostrassero tutta la sua felicità. Dopo aver fatto un salto pericolosamente vicino al precipizio non è riuscita ad atterrare in sicurezza. «Ero in vacanza quando una ragazza si è avvicinata per chiedermi di scattarle alcune foto - ha raccontato Young Choi, 24 anni - È stato un attimo e non l'ho più vista. Abbiamo chiamato immediatamente i soccorsi e l'ambasciata sudcoreana». Jin Gyeong Jang era a pochi metri da Hyewon quando l'ha vista precipitare: «Era in piedi, poi l'ho vista cadere nel vuoto. Dove prima c'era lei è rimasta solo la sua borsa».

Le fotografie trovate sul telefono della ragazza mostrano gli ultimi attimi di felicità prima della tragedia. «C'erano almeno sei immagini che la ritraevano sorridente prima della morte - ha detto il detective Tod Stewart - Saltava in aria vicino al precipizio». Il procuratore Alan Craze ha aggiunto: «È atterrata con un piede oltre il bordo della scogliera e ha perso l'equilibrio. Ci sono molti cartelli che avvertono le persone del pericolo, ma non si può fare nulla contro la loro avventatezza».

Hyewon è precipitata per sessanta metri: i vigili del fuoco l'hanno ritrovata a faccia in giù. È stata trasportata d'urgenza in ospedale, ma è morta dopo appena 24 ore. Un esame post-mortem ha concluso che la ragazza è morta a causa delle profonde ferite alla testa. «Purtroppo non è un caso isolato - ha detto Craze - Dobbiamo solo sperare che sia l'ultimo. Incoraggerò il National Trust a migliorare i cartelli che indicano il pericolo e a mettere una recinzione lungo il bordo». Più di 350.000 persone visitano ogni anno Birling Gap e Seven Sisters.

Ultimo aggiornamento: 14 Ottobre, 09:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Addio coccodrillo del Tevere, Roma è invivibile anche per te

di Pietro Piovani