Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Francia, antidepressivi nel latte della figlia di 13 mesi per farla smettere di piangere: la piccola muore

Francia, antidepressivi nel latte della figlia di 13 mesi per farla smettere di piangere: la piccola muore
di Federica Macagnone
2 Minuti di Lettura
Martedì 12 Dicembre 2017, 14:20 - Ultimo aggiornamento: 13 Dicembre, 08:54

Hanno mentito cercando di accampare versioni pochi attendibili per celare la verità. Ma alla fine, a quasi tre anni dalla morte della loro bambina, sono crollati sotto il peso schiacciante delle prove: adesso Delphine Niepceron, 27 anni, e Cyrille Le Got, 43 anni, dovranno affrontare un processo per aver drogato il latte nel biberon con antidepressivi e tranquillanti nel tentativo di far smettere di piangere la piccola Maëlyne, 13 mesi, morta in un ospedale di Champagne, in Francia.

Secondo quanto riporta Le Parisien, la coppia ha raccontato che il giorno della tragedia, il 27 febbraio 2015, aveva organizzato una festa a casa. Dopo che gli invitati erano andati via, Maëlyne avrebbe afferrato un bicchiere di vino rosè e sarebbe finita in coma. Una versione lacunosa che non ha mai convinto gli investigatori, visto che la piccola non era in grado di camminare né, tantomeno, di afferrare un bicchiere e berne il contenuto. A corroborare quello che inizialmente era solo un sospetto è stato l'esame autoptico sul corpo della bimba: nel sangue di Maëlyne sono state trovate tracce di farmaci normalmente prescritte a persone che soffrono di depressione. La stessa sostanza, inoltre, è stata trovata anche nel biberon della bambina e in quello della sorellina di 3 anni.

Delphine e Cyrille adesso si preparano per affrontare il processo: sono stati accusati di aver somministrato sostanze pericolosa alla loro bambina, ma non con l'intenzione di ucciderla. La parola spetta ai giudici di Le Mans: se condannati, rischiano una condanna a 20 anni di reclusione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA