Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

inghilterra, drogata e violentata tutti i giorni dal padre: "Mi chiamava 'moglie'"

Emma Burt
1 Minuto di Lettura
Martedì 13 Settembre 2016, 20:37 - Ultimo aggiornamento: 15 Settembre, 14:28
Una ragazza di 19 anni, Emma Burt, ha raccontato di aver subito abusi durante l'adolescenza. L'orco era in casa e si trattava proprio di suo padre, Christopher Wayne Edwards, condannato al carcere per 12 anni. La teenager veniva drogata e violentata tutti i giorni.


Due anni di inferno con un padre malato che l'aveva accettata in casa dopo che la ragazza aveva litigato con la mamma all'età di 15 anni. Per abusare di lei le dava anfetamine e cocaina. "Ero arrivata a dipendere dalle droghe. - racconta - Non capivo cosa stesse succedendo perché ero drogata". Questo fino a quando non è riuscita a scappare. 


Nei momenti insieme l'uomo aveva l'abitudine di chiamarla "mia moglie". Emma ha anche tentato il suicidio lanciandosi da un ponte nel mese di dicembre 2014, per "porre fine a tutto il dolore". E' scappata di casa a 17 anni e ha avvertito la polizia. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA