Dopo il caso Embraco/ Se il costo del lavoro divide l’Europa

di Romano Prodi
Il caso della delocalizzazione dello stabilimento dell’Embraco dal Piemonte verso la Slovacchia pone problemi non certo nuovi ma che mai sono stati affrontati alle radici.  Il primo aspetto, contro cui si è giustamente scagliato il ministro Carlo Calenda, riguarda l’arrogante comportamento dell’impresa multinazionale proprietaria dell’azienda. La decisione di chiusura totale dell’impianto italiano è stata decisa con tempi e modi tali da rendere addirittura impossibile l’apprestamento...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Domenica 25 Febbraio 2018 - Ultimo aggiornamento: 00:00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

  • 4
QUICKMAP