L’egoismo dei Paesi/Bruxelles usa il populismo come alibi per non decidere

di Alessandro Campi
L’eventuale fallimento del Consiglio europeo in programma giovedì e venerdì prossimi, in cui si dovrebbero discutere nuove regole e procedure in materia di immigrazione e accoglienza, fa temere anche per il futuro del processo di integrazione continentale. In effetti non si era mai registrato, tra i Paesi membri, un simile livello di scontro: la mossa italiana di ieri ha rimesso al centro una bozza che è finalmente diventata un punto di partenza della nuova trattativa. Vedremo con quali esiti. Intanto, analizziamo le...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Lunedì 25 Giugno 2018 - Ultimo aggiornamento: 01:36

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2018-06-25 15:15:18
Europa politicamente unita? Quando mai! Almeno finché gli USA interessati a contenere l'orso russo garantiranno la sua sicurezza militare. Qundi un'Armata Brancaleone di statarelli pingui e grassi economicamente forti ma politicamente insignificanti nello scacchiere mondiale. Basterebbe andare a vedere come finirono a suo tempo i ricchi e colti Comuni italiani
2018-06-25 11:01:24
Il fallimento di questa Europa e' solo nella responsabilita' del ruolo tropppo accentrante a cui si sonmo assurte Germania e Francia. Senza alcun rispetto per differenze culturali e politiche hanno tentato di germanizzare tuti gli altri paesi. Q' ormai palese come sia giusto ridiscutere di europa unita in altri termini.Oppure chiudere la pratica e riavviarne un'altra di diversa natura.
QUICKMAP