Ebola, le vittime salgono a 1.900. L'Oms: «L'epidemia più veloce di noi»

Giovedì 4 Settembre 2014 di Luca Lippera
5
Un bambino in Liberia cammina lungo un enorme striscione che avverte la popolazione
Il numero dei morti per Ebola nell'Africa Occidentale ha superato quota 1.900 (il 20 agosto erano 1.400) mentre i casi accertati o sospetti, limitatamente alla Guinea, alla Liberia e alla Sierra Leone sono 3.500. In questi Paesi - ha detto Margaret Chan, direttore generale dell'Organizzazione Mondiale della Sanit - l'epidemia supera i nostri tentativi di controllo. I malati, secondo gli esperti, potrebbero arrivare a 20 mila prima che la rete sanitaria riesca a imbrigliare la progressione del virus.


La dottoressa Chan, 66 anni, nata a Hong Kong, studi negli Stati Uniti, in carica dal 2007, ha descritto l'epidemia di Ebola come «la più vasta, la più grave e la più complessa (di febbre emorragica, ndr) che abbiamo mai visto». Il virus, nei Paesi più colpiti, non sembra perdere virulenza. Circa il 40 per cento dei decessi, in Liberia, Guinea e Sierra Leone, sono avvenuti nel mese di agosto. «Ma la causa - secondo gli infettivologi - non è tanto una rinnovata forza della malattia, bensì il fatto che il sistema sanitario nelle aree colpite è totalmente crollato: non ci sono guanti sterili, mancano le mascherine, sono finiti i grembiuli usa e getta, i copriscarpe sono un miraggio e così il contagio si espande senza barriere».



Ieri la Nigeria ha segnalato due casi a Port Harcourt. Secondo l'Oms il virus, essendoci di mezzo una città portuale, potrebbe estendersi molto più rapidamente rispetto a quanto accaduto nelle scorse settiamane nella capitale Lagos. Dall'Inghilterra arriva la conferma che molto, nella progressione e nell'esito della malattia, dipende dall'assistenza ricevuta dai pazienti pur in assenza di una cura specifica. Un cittadino britannico colpito da Ebola - era stato trasferito in Gran Bretagna - è guarito ed è stato dimesso dall'ospedale.




Ultimo aggiornamento: 22:45 © RIPRODUZIONE RISERVATA