Cuba, aereo caduto: trovata una delle scatole nere

Sabato 19 Maggio 2018
Una delle scatole nere dell'aereo caduto ieri dopo il suo decollo dall'aeroporto dell'Avana è stata ritrovata «in buone condizioni», ha detto oggi il ministro cubano dei Trasporti, Adel Yzquierdo. In un intervento alla tv pubblica dell'isola, Yzquierdo ha detto che i responsabili dell'inchiesta sul disastro aereo, nel quale sono morte oltre 100 persone, in maggioranza cubani, «continuano a lavorare intensamente» nel luogo dell'incidente, a circa 13 kilometri dal centro della capitale.

«Una delle scatole nere è già nelle nostre mani, in buone condizioni, ben conservata, e l'altra la dovremmo trovare nelle prossime ore, per consegnarla alla commissione d'inchiesta che si sta occupando di stabilire le cause dell'incidente», ha precisato il ministro. Secondo testimonianze coincidenti raccolte dai media locali, poco dopo il suo decollo il Boeing 737 della Global Air, che operava un volo della Cubana de Aviacion, ha effettuato una manovra pericolosa, virando bruscamente verso il primo terminale dell'Aeroporto José Martì dell'Avana. Yzquierdo ha anche detto che nelle prossime ore sarà diffusa la lista dei passeggeri del volo, spiegando che i resti delle vittime sono già stati trasferiti all'obitorio legale della capitale, ma solo 10 sono stati identificati finora.

Sono stati resi noti, invece, i nomi delle tre uniche superstiti della tragedia, tutt'e tre cubane - Mailen Daz Almaguer, 19 anni; Grettel Landrovell Font, 23 anni; ed Emiley Sánchez 39 anni- e tutt'e tre ricoverate in terapia intensiva e in condizioni gravi ma stabili. La madre di Emiley Sanchez ha detto alla stampa che la figlia è cosciente, può comunicare ed ha potuto parlare con lei.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani