Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Corea del Nord, lanciati altri tre missili. Gli Usa: esplosi subito

Corea del Nord, lanciati altri tre missili. Gli Usa: esplosi subito
2 Minuti di Lettura
Sabato 26 Agosto 2017, 07:49 - Ultimo aggiornamento: 28 Agosto, 07:46

Nuova minaccia della Corea del Nord. Secondo lo stato maggiore interforze della Corea del Sud, Pyongyang ha lanciato «diversi missili», tutti a corto raggio, in direzione nord-est, che sono caduti in mare dopo circa 250 km, fra il Giappone e la Penisola coreana. I militari di Seul sono citati in un tweet dall'agenzia sudcoreana Yonhap. L'intelligence militare sudcoreana sta ora esaminando le tracce radar e altre informazioni. Il presidente sudcoreano, Moon Jae-in, scrive Yonhap, è stato informato.

I militari americani sostengono che i missili lanciati fossero tre, compiuti nell'arco di 30 minuti, e afferma che sono sostanzialmente falliti. «Il primo e il terzo non sono riusciti a volare a lungo. Il secondo missile lanciato sarebbe invece esploso quasi subito», ha dichiarato - citato da Bbc - Dave Benham, comandante dello Us Pacific Command, secondo il quale non c'è stata la minima minaccia a Guam o al territorio degli Usa.

I vari missili, secondo il ministero della Difesa sudcoreano, sono stati lanciato a partire dalle 6:49 locali (le 23:49 di ieri in Italia) dalla provincia nordcoreana di Gangwon. «I militari mantengono un'attenta sorveglianza sulla Corea del Nord nel caso di ulteriori provocazioni», fa sapere il ministero della difesa di Seul.

Gli ultimi lanci dei missili a corto raggio dalla Corea del Nord non hanno minacciato la sicurezza nazionale del Giappone, ha detto il capo di Gabinetto Yoshihide Suga. Il premier Shinzo Abe - ha aggiunto Suga - ha chiesto alle forze di autodifesa di rimanere in stato di allerta. Secondo alcuni membri dell'esecutivo nipponico la Corea del Nord potrebbe compiere nuovi tentativi intimidatori come segno di protesta alle esercitazioni militari congiunte attualmente in corso tra Stati Uniti e Corea del Sud.

Gli analisti avevano anticipato una eventuale dimostrazione del regime in coincidenza con l'anniversario del 'Songun', la politica del "prima i militari". Nello stesso periodo dell'anno scorso, il 24 agosto, la Corea del Nord aveva lanciato un missile balistico da un sottomarino, e successivamente messo a punto il quinto test nucleare.





 

© RIPRODUZIONE RISERVATA