Grandi manovre in Corea del Nord: missile intercontinentale sulla costa. Putin: «Rischiamo catastrofe globale»

Martedì 5 Settembre 2017
17

La Corea del Nord sta trasportando verso la costa occidentale un razzo che sembrerebbe essere un missile balistico intercontinentale (Icbm): lo riporta, citando una fonte anonima, l'Asia Business Daily, testata sudcoreana.

Le operazioni sarebbero iniziate ieri con lo spostamento in programma solo di notte per evitare la sorveglianza indiscreta dei satelliti spia. La circostanza non è stata confermata dai militari di Seul che, sempre ieri, hanno riferito però come Pyongyang sia in grado di lanciare un Icbm in qualsiasi momento.

L'intelligence di Seul, Nis, ha invece messo in guardia - sempre ieri - dai rischi di un nuovo test nucleare, anche in questo caso possibile in ogni momento, e di lanci di altri missili balistici intercontinentali individuando il 9 settembre, anniversario della fondazione dello Stato, e il 10 ottobre, giorno della nascita del Partito dei Lavoratori, come date sensibili. In un'audizione parlamentare, l'agenzia ha chiarito che l'analisi su due dei 4 tunnel del sito atomico di Punggye-ri mostrano «che una detonazione è sempre possibile».

Nuove sanzioni contro la Corea del Nord sarebbero «inutili ed inefficaci», e visto che Pyongyang «ha armi atomiche, un conflitto potrebbe portare a una catastrofe globale». È quanto ha detto il presidente russo Vladimir Putin, all'indomani della riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, durante la quale gli Stati Uniti hanno fatto sapere che lunedì prossimo metteranno ai voti una risoluzione per nuove misure restrittive. Parlando al termine del vertice di Brics a Xiamen, Putin ha avvertito che “l'isteria” militare nei confronti della Corea del Nord potrebbe portare a «una catastrofe globale».

«Incrementare l'isteria militare in tali condizioni - ha affermato Putin - non ha senso, è una strada senza uscita. Potrebbe portare a una catastrofe globale, planetaria e a un'enorme perdita di vite umane. Per risolvere la questione nucleare nordcoreana non c'è altra via se non quella del dialogo pacifico». Il presidente russo si è inoltre detto contrario a ulteriori sanzioni. «Come ho detto ieri ai miei colleghi - ha proseguito - mangeranno erba ma non fermeranno il loro programma finché non si sentiranno sicuri».
 

Ultimo aggiornamento: 14:50 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma