Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Cina, panico ad alta quota: gli auricolari wireless di una donna si surriscaldano ed esplonono mentre dorme in aereo

Cina, panico ad alta quota: gli auricolari wireless di una donna si surriscaldano ed esplonono mentre dorme in aereo
di Federica Macagnone
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 15 Marzo 2017, 15:59 - Ultimo aggiornamento: 16 Marzo, 16:58

Si era appisolata con le cuffie nelle orecchie ascoltando musica. Si è risvegliata in preda al panico mentre sentiva parte della faccia bruciare. È successo a una donna australiana che si è ritrovata con parte del viso annerita dal fumo scaturito dagli auricolari wireless, mentre volava a bordo di un aereo che da Pechino era diretto a Melbourne.

«Ho sentito bruciare e me le sono strappate di dosso - ha raccontato la donna che, dopo due ore di volo, ha visto le scintille e ha notato un principio di incendio - Le ho calpestate per cercare di fermare il fuoco, ma già altrie persone stavano gettando sopra dell’acqua». Per tutti i passeggeri a bordo si è trattato solo di un grande spavento e il viaggio è continuato, nonostante la cabina si fosse riempita di fumo, il forte odore di plastica bruciata si fosse dispersa nell'aria e i viaggiatori tossissero in continuazione. Poteva andare peggio anche alla protagonista della vicenda, che se l'è cavata con lievi bruciature sulle mani e sui capelli.

L'incidente è avvenuto lo scorso 19 febbraio: a scatenare il principio di incendio sarebbero state le batterie all’interno delle cuffie, che si sarebbero surriscaldate e avrebbero preso fuoco. Al momento non sono stati resi noti né la marca, né il modello dell'articolo. L'unico dato abbastanza certo, visti i precedenti, è che si potrebbe trattare di batterie al litio, le stesse che hanno causato diversi incidenti del genere, portando al ritiro dei Samsung Note 7. Mentre continuano le indagini, a dare la notizia degli auricolari in fiamme in volo è stata l'Australian transport safety bureau (l'Agenzia per la sicurezza dei trasporti australiana) che, postando la foto della donna sui social, ha dato le linee guida da rispettare per un viaggio sicuro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA