Ordina la cena per il fidanzato e scopre il tradimento grazie al fattorino

Lunedì 2 Luglio 2018 di Alessia Strinati
11
Ordina la cena per il fidanzato e scopre il tradimento grazie al fattorino
Ordina del cibo da asporto, ma mai avrebbe potuto pensare che questo potesse mettere in crisi la sua storia d'amore. Kayla Speer, 23enne originaria di West Burlington, in Iowa (USA), ha ordinato un panino per il suo fidanzato che abita a tre ore da lei. Un gesto semplice, romantico, per far vedere al suo uomo che le piaceva prendersi cura di lui.



Peccato che quando il fattorino è giunto all'indirizzo indicato le cose sono andate diversamente da come previsto. La ragazza ha deciso di raccontare tutto l'accaduto su Twitter, con una serie di post che sono diventati virali. «Ero al lavoro una sera e ho pensato di fare qualcosa di carino per lui. Così gli ho ordinato la cena, sapendo che era immerso nello studio per i suoi esami finali», ha scritto lei. Il ragazzo, fa sapere, che le ha risposto che sarebbe andato a dormire, così lei lo ha avvertito del cibo in arrivo.

Dopo qualche minuto però Kayla ha ricevuto una chiamata dal fattorino: «Mi ha chiesto se l'ordine era proprio per il mio fidanzato e ho detto di sì e che però non vivevo nella sua stessa città e questo lo ha sorpreso», ha continuato a scrivere sil social la giovane e poi ha aggiunto: «Ha continuato dicendo: 'Guardi, solitamente non facciamo queste cose, ma penso che lei voglia saperlo. Quando sono entrato in casa ho visto lui con i boxer e una donna nuda sopra, sul divano'».

Il rapporto con il ragazza è andato in mille pezzi, ma la 23enne ha voluto ringraziare il fattorino per averla aiutata a capire con chi stava. Tra le persone che hanno espresso la solidarietà a Kayla c'è anche la catena di fast food per cui lavora il ragazzo che si è offerta di preparare un catering per la festa di addio al suo ex. 
 
  Ultimo aggiornamento: 3 Luglio, 19:01 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Le case sequestrate ai Casamonica, tra fiction e realtà

Colloquio di Alvaro Moretti e Ernesto Menicucci