Madrid, maxi-blitz per fondi Ue usati dai catalani: 8 fermati. Gli indipendentisti: «Cercano prove inesistenti»

Madrid, maxi-blitz per fondi Ue usati dai catalani: 8 fermati. Gli indipendentisti: «Cercano prove inesistenti»
2 Minuti di Lettura
Giovedì 24 Maggio 2018, 11:42 - Ultimo aggiornamento: 25 Maggio, 13:36

Circa 500 agenti della polizia spagnola sono impegnati a Barcellona in una maxi-operazione sul possibile dirottamento di fondi pubblici usati per la causa indipendentista e per il referendum dell'1 ottobre. Il blitz, preannunciato da indiscrezioni a media di Madrid, ha già portato a otto fermi secondo La Vanguardia. Ne sono previsti 20. Perquisizioni sono in corso nella sede dell'amministrazione provinciale. L'ipotesi è che fondi Ue alla formazione siano andati ad associazioni e aziende vicine al separatismo.

Il capogruppo del
Pdecat di Carles Puigdemont, Carles Campuzano, ha denunciato il blitz della polizia spagnola oggi a Barcellona affermando che «cercano prove che non esistono» di una presunta malversazione per finanziare l'indipendentismo. Il giudice del tribunale supremo Pablo Llarena che conduce la maxi inchiesta sul proces indipendentista ha incriminato l'ex-presidente Puigdemont e diversi leader altri catalani per ribellione e malversazione.

Nove sono in carcere preventivo a Madrid. Il blitz, ha detto Campuzano, «è la dimostrazione molto evidente che la costruzione del giudice Llarena è debole perchè cercano prove che non esistono». «Violentano la legalità vigente per inventare reati che non ci sono» ha aggiunto. Il neo presidente catalano Quim Torra ha scritto su twitter che segue dalla sede della Generalità gli sviluppi dell'operazione e ha definito «profetico» il messaggio pubblicato due giorni fa dal leader repubblicano Jordi Coronas, sulla sentenza attesa venerdì a Madrid sullo scandalo di corruzione Gurtel che coinvolge il Pp del premier spagnolo Mariano Rajoy.

«In quali palazzi della Catalogna entrerà ora la Guardia Civil per cercare di distrarre dalla notizia?» si era interrogato. Nel blitz della polizia spagnola sono state fermate finora 22 persone fra cui l'ex-presidente della provincia di Barcellona dal 2011 al 2015 Salvador Esteve. Perquisizioni sono in corso in una decina di amministrazioni catalane secondo La Vanguardia. L'ipotesi è che siano stati dirottati circa 2 milioni di euro destinati a fondi per la cooperazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA