New York, 33 persone collassano in strada a Brooklyn: avevano preso la stessa droga

New York, 33 persone collassano in strada a Brooklyn: avevano preso la stessa droga
di Federica Macagnone
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 13 Luglio 2016, 16:32 - Ultimo aggiornamento: 14 Luglio, 19:38

Una scena alla Walking Dead, con la differenza che gli uomini stramazzati a terra non erano zombie ma newyorkesi: nella notte tra lunedì e martedì 33 persone sono collassate per le strade di Brooklyn dopo aver assunto quella che sembra essere una partita di droga tagliata male. Quando le prime luci dell'alba hanno invaso le strade di Bedford-Stuyvesant e Bushwick, la scena è stata terribile per i residenti che si son ritrovati di fronte una scena assurda: gente che si contorceva, si accartocciava, che camminava con lo sguardo perso nel vuoto prima di stramazzare al suolo.
 

 


A causare questa “apocalisse” è stata una partita di K2, marijuana sintetica conosciuta anche con il nome di Spice o AK-47: la droga, contenente sostanze chimiche, varia da pacchetto a pacchetto provocando conseguenze, secondo quanto riporta il New York City Health Department, totalmente imprevedibili: tra i vari effetti si registrano ansia estrema, confusione, paranoia e allucinazioni.

Martedì, quello che nel quartiere è un problema di lunga data, è diventato una vera e propria emergenza con l'apice toccato intorno alle 9.30 quando, nel giro di pochi chilometri, in trentatré sono stati condotti in ospedale per overdose. I testimoni hanno raccontato di aver visto più di una dozzina di persone svenire, vomitare, urinare e contorcersi nel quartiere di Bedford-Stuyvesant. Stessa scena qualche chilometro più in là, tra Broadway e Myrtle Avenue, un incrocio diventato noto con il nome di “Ground zero” per i tossicodipendenti in città. Un vero incubo per i residenti che ora hanno paura.

«La gente cadeva a terra e si accartocciava sui cofani delle macchine – ha raccontato Lindsay Foehrenbach, che vive da 11 anni nel quartiere - Sembravano ignari dell'ambiente circostante e non riuscivano a stare in piedi. Ho visto anche un uomo che mi sembrava morto. È stato spaventoso». Una scena orribile anche per Brian Arthur, 38 anni, che ha ripreso quello che accadeva sotto casa e l'ha postato in line: «Non è quello che vuoi far vedere ai tuoi figli – ha detto al NewYork Daily News - Alcuni di loro erano immobili, altri venivano sorretti dai soccorritori. Non è uno scherzo, qui stiamo vivendo un momento tragico».

Secondo quanto riferiscono le autorità tutte le persone ricoverate non sono in pericolo di morte, mentre New York continua a contare le “vittime” del K2: più di 6mila persone, dal 2015, sono state ricoverate nei Pronto soccorso per overdose, due sono state le morti accertate a causa dalla droga.
Il sindaco Bill de Blasio, in ottobre, ha illegale la vendita e la produzione di K2: per i trasgressori sono previste pene fino a un anno di carcere e multe per più di 100.000 dollari. A maggio De Blasio ha annunciato un calo dell'85% delle visite di emergenza legate al K2, ma il problema resta grave. Su Stockton Street, i residenti cercano di difendersi attaccando cartelli con su scritto: “No Smoking K2”. Ma non saranno le parole a fermare l'esercito di zombie. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA