Brexit, Kerry: «Evitare vendette contro il Regno Unito»

Brexit, Kerry: «Evitare vendette contro il Regno Unito»
2 Minuti di Lettura
Lunedì 27 Giugno 2016, 20:00

«Evitare tentazioni di vendetta», «non perdere la testa». Il segretario di stato americano, John Kerry, non smette di esortare gli alleati europei a mantenere la calma di fronte a una Brexit che già sembra dividere le capitali europee. Una Brexit che se non viene gestita «in modo prudente» - è il messaggio di Washington - può provocare effetti indesiderati in Europa e oltre. Del resto quello che si sta vivendo a Wall Street non è diverso dal terremoto che sta interessando le principali piazze finanziarie del Vecchio Continente. «Abbiamo gli strumenti necessari per sostenere non solo la stabilità finanziaria ma anche per continuare a promuovere la crescita economica», assicura il segretario al tesoro americano, Jacob Lew, che però invita alla massima collaborazione tra tutti i Paesi.

Non è un mistero che al di là delle rassicurazioni ufficiali l'amministrazione Obama sia molto preoccupata dalle conseguenze che possono scaturire dal voto nel Regno Unito. La priorità numero uno - sottolineano i principali commentatori americani - è individuare chi rimpiazzerà Londra come «canale privilegiato» degli Usa all'interno dell'Unione europea. Una scelta che va fatta al più presto, perchè in ballo non ci sono solo gli aspetti economici e finanziari, ma anche quelli legati al ruolo della Nato e alle enormi sfide dell'Alleanza Atlantica, dal contenimento della Russia alla lotta all'Isis e la strategia in Siria. Tutti campi su cui finora Washington e Londra hanno sempre parlato con una sola voce. Non sempre così è stato con Berlino e Parigi, molto più diffidenti di Londra verso il ruolo degli Stati Uniti.

Nell'amministrazione statunitense si fanno i conti con la Germania della cancelliera Merkel, che ha ancora il dente avvelenato con Washington per lo scandalo del Datagate, che ha svelato come i vertici dello stato tedesco erano tra i soggetti intercettati, spiati dagli 007 Usa. Ma anche le posizioni tra amministrazione Obama e amministrazione Merkel non sempre sono state in sintonia di recente in politica estera, a partire dalla strategia per fermare le mire espansionistiche di Vladimir Putin. E non facile appare stringere i rapporti anche con Parigi che - come scrive il New York Times - troppo spesso ha mostrato di voler fare di testa sua, indipendentemente dalle posizioni Usa. Come nel caso dell'autonoma iniziativa presa di recente da Francois Hollande per riavviare i negoziati di pace in Medio Oriente. Poi c'è l'Italia, alleato affidabile ma - come sottolinea ancora il New York Times - «too broke», troppo al verde, senza risorse. E se la ricca Irlanda è invece troppo piccola, Paesi come la Polonia hanno un'affiliazione alla Nato ancora troppo 'giovanè. Insomma, un vero e proprio dilemma. Ma che andrà sciolto al più presto se gli Usa non vogliono perdere sempre più influenza Oltreoceano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA