Galles, bimbo di 8 anni litiga con la sorellina poi si impicca al letto a castello

Sabato 18 Aprile 2015
4
Christopher Furniss-Roe
ROMA - Christopher Furniss-Roe, 8 anni, era stato mandato in camera dai genitori dopo un bisticcio con la sorellina minore. Un quarto d'ora dopo il bimbo è stato ritrovato impiccato al suo lettino a castello. Inutili i soccorsi, è morto il giorno successivo.



È accaduto Pontypool, in Galles. Come riporta il Mirror, Christopher quel pomeriggio, dopo essere tornato da scuola, aveva litigato con la sorellina nel cortile di casa a causa di un secchiello da spiaggia rotto.







I due fratellini si sono azzuffati e i genitori hanno spedito il maggiore in punizione in camera. Ma poco dopo il papà Jason è entrato nella stanzetta e ha trovato il piccolo impiccato al lettino. A nulla sono valsi i tentivi di soccorso.



Christopher è stato ricoverato in fin di vita, ma purtroppo non c'era nulla da fare e il giorno successivo i genitori hanno preso la drammatica decisione di staccare la spina.



È stata aperta un'inchiesta sull'accaduto. In tribunale è stato detto che quel giorno il bimbo era felice perché era andato bene alla corsa organizzata dalla scuola nel giorno dello sport.



Secondo gli inquirenti il bimbo non avrebbe avuto intenzione di uccidersi: "Probabilmente - dicono - ha finto di impiccarsi per ottenere il perdono, ma tutto è finito tragicamente". Ultimo aggiornamento: 19 Aprile, 15:09

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Viaggiare da soli? “Un sacco bello”. Anche senza andare in Polonia

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma