Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Il padre del piccolo Aylan contro Charlie Hebdo: vignetta inumana e immorale

Il padre del piccolo Aylan contro Charlie Hebdo: vignetta inumana e immorale
1 Minuto di Lettura
Domenica 17 Gennaio 2016, 13:59 - Ultimo aggiornamento: 18 Gennaio, 10:51

La vignetta pubblicata da Charlie Hebdo su Aylan Kurdi, il bimbo morto in un naufragio le cui immagini su una spiaggia turca hanno scioccato il mondo, «è inumana e immorale», tuona il padre del piccolo, Abdullah Kurdi.


«Oggi sono più triste di quando ho perso lui e la mia famiglia», dice citato dai media curdi. Il genitore paragona la vignetta del magazine satirico all'atto dei «terroristi e criminali di guerra che uccidono persone innocenti e le costringono a lasciare il proprio Paese».

Nella vignetta, del direttore di Charlie Hebdo, si vede un migrante, con la faccia da maiale, che rincorre una ragazza. Sotto, c'è scritto: «Cosa sarebbe diventato il piccolo Aylan se fosse cresciuto? Molestatore di sederi in Germania».

© RIPRODUZIONE RISERVATA