Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Afghanistan, duplice attentato a Kabul: 29 morti, 9 sono giornalisti. A Kandahar strage di bimbi

Shah Marai Fezi morto nell'attentato a Kabul, che ha fatto decine di vittime
2 Minuti di Lettura
Lunedì 30 Aprile 2018, 12:02 - Ultimo aggiornamento: 1 Maggio, 21:00

Strage a Kabul. L'Isis ha rivendicato il duplice attacco che stamani ha insanguinato la capitale afghana. Lo riferisce l'agenzia di stampa Dpa che dà notizia di un messaggio diffuso dal gruppo tramite Telegram in cui si afferma che la strage è stata opera di due attentatori suicidi dell'organizzazione. Tragico il bilancio: 29 morti e 49 feriti. Il duplice attentato è stato realizzato oggi dall'Isis nel quartiere centrale di Shash Darak a Kabul, dietro l'ambasciata statunitense e il quartier generale della Nato.

LEGGI ANCHE ----> Morto Shah Marai

Sono almeno 9 i giornalisti uccisi e altri 5 i feriti nell'attentato di questa mattina a Kabul. Lo riferisce il Comitato per la sicurezza dei giornalisti afghani. 
Secondo un conteggio realizzato da Reporters sans Frontières (Rsf), tutti i giornalisti in questione avevano meno di 30 anni. Si tratta, in particolare di Yar Mohammad Tokhi (cameraman di ToloNews) Ebadollah Hananzi, Sabvon Kakeker e Maharam Darani (radio Azadai free Europe), Ghazi Rasoli e Norozali Rajabi (entrambi cameraman di TV1), Shah Marai Fezi (fotografo dell'Agenzia France Presse), Salim Talash e Ali Salimi (rispettivamente cronista e cameraman per la tv privata Mashal). I cinque reporter feriti sono Naser Hashemi (Al-Jazireh), Omar Soltani (Reuters), Ahmadshah Azimi (Nedai Aghah), Ayar Amar (del settimanale Vahdat mili) e Davod Ghisanai (tv privata Mivand).

Dal 2016, RSF ha conteggiato 34 tra giornalisti e collaboratori dei media uccisi nei diversi attacchi perpetrati
dall'Isis o dai talebani in Afghanistan. L'Ong esprime un messaggio di cordoglio e solidarietà nei confronti delle
famiglie delle vittime. 


Strage di bambini a Kandahar. Almeno undici studenti di una madrassa (scuola coranica) sono morti oggi nella provincia meridionale afghana di Kandahar quando un kamikaze si è fatto esplodere al passaggio di un convoglio della Nato. Qasim Afghan, portavoce della polizia locale, ha indicato che l'esplosione ha causato il ferimento di cinque soldati romeni, ma ha investito la scuola coranica uccidendo undici studenti che si trovavano al suo interno.


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA