Assalto in chiesa a Rouen, attentatori erano francesi e noti alla polizia. Uno aveva il braccialetto elettronico

Assalto in chiesa a Rouen, attentatori erano francesi e noti alla polizia. Uno aveva il braccialetto elettronico
2 Minuti di Lettura

È stato formalmente identificato uno dei due autori dell'attacco alla chiesa di Saint Etienne du Rovray, vicino a Rouen in Francia. Si tratta di Adel Kermiche, nato il 25 marzo 1997 a Rouen. Il giovane aveva già provato due volte ad andare in Siria, prima nel marzo 2015 e poi di nuovo tre mesi dopo, nel maggio 2015, quando è stato arrestato e posto sotto controllo giudiziario. Dopo dieci mesi di carcere, è stato nuovamente posto sotto controllo giudiziario, con gli arresti domiciliari controllati con braccialetto elettronico il 18 marzo 2016. L'attacco contro la chiesa ha avuto luogo durante le ore in cui a Kermiche era consentito uscire: 08:30-12:30 da lunedì a venerdì. 

Anche l'altro terrorista che ha colpito questa mattina la chiesa era un francese nato a Rouen. 
 

 

La tv francese M6, inoltre, ha rivelato che «uno dei due assalitori era schedato con la lettera S», quella che indica gli individui potenzialmente radicalizzati a rischio di passare all'azione. La notizia non è al momento confermata dalle autorità francesi. Le autorità francesi hanno aperto una cellula di sostegno psicologico.

Kermiche era conosciuto da «tutti» e «tutti sapevano della sua radicalizzazione». È quanto hanno rivelato ai media
francesi i suoi compagni di classe del liceo che frequentava. «Non si vedeva più molto, è stato a lungo assente. Era diventato un po' strano, non parlava più a molte persone», ha raccontato una studentessa. Mentre un'altra ha aggiunto che appena avuta la notizia «abbiamo capito subito che si trattava di lui».

Il giovane, secondo quanto riferisce Rtl che cita la testimonianza di un parente, aveva infatti «ripetuto più volte di volere attaccare una chiesa giurando sul Corano» che lo avrebbe fatto. Tuttavia nessuno gli aveva creduto.

Kermihce sarebbe stato «folgorato» dopo la strage al settimanale satirico Charlie Hebdo. 

 

Martedì 26 Luglio 2016, 14:39 - Ultimo aggiornamento: 22:53
© RIPRODUZIONE RISERVATA