Astrofisica italiana Branchesi tra i Magnifici 100 di Time

Marica Branchesi (ansa)
4 Minuti di Lettura
Giovedì 19 Aprile 2018, 15:41 - Ultimo aggiornamento: 21 Aprile, 16:41

C'è anche Marica Branchesi, l'astrofisica italiana che ha 'ascoltato' le onde gravitazionali, tra le cento persone più influenti al mondo secondo la rivista Time. Nella classifica anche il chirurgo italiano Giuliano Testa.

LEGGI ANCHE: Nature: nella top ten degli scienziati del 2017 c'è anche un'italiana


Professore associato del Gran Sasso Science Institute (Gssi), Branchesi è membro della collaborazione LIGO/Virgo. Lo scorso dicembre Nature l'aveva già segnalata tra le dieci personalità scientifiche del 2017.

 


L'astrofisica urbinate, che viene segnalata nella categoria 'Pioneers' (pionieri) con un ritratto firmato da Jeffrey Kluger, lavora da anni all'interno della collaborazione internazionale di Ligo-Virgo per la rivelazione delle onde gravitazionali.

Presidente della commissione di Astrofisica delle onde gravitazionali della Unione Astronomica Internazionale e membro del Comitato internazionale per le onde gravitazionali, Marica Branchesi è entrata a far parte della collaborazione Virgo nel 2009 ed è ricercatrice al Gran Sasso Science Institute e associata presso l'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn).

 
Il suo ruolo è stato quello di favorire l'unione tra l'astronomia osservativa e la fisica strumentale degli strumenti utilizzati per captare le onde gravitazionali, aprendo così la strada all'astronomia multimessaggero, ossia alla nuova astronomia basata su segnali provenienti da fonti diverse e che tutti insieme aprono la via a una nuova immagine dell'universo.


Gli italiani Branchesi e Testa sono in buona compagnia nell'Olimpo dei 100 personaggi più influenti dell'anno secondo Time: il presidente degli Stati Uniti Donald Trump e quello cinese Xi Jinping, il guru di Tesla Elon Musk e il tennista svizzero Roger Federernna diventata poi mamma. Spicca l'assenza di Mark Zuckerberg, evidentemente penalizzato dalla bufera del datagate che si è abbattuta su Facebook.

«Ci è voluto Albert Einstein per prevedere l'esistenza delle onde gravitazionali, increspature dello spazio-tempo che si formano quando oggetti come i buchi neri collidono. C'è voluta Marica Branchesi per verificare che abbiamo realmente visto la prova di questo genere di scontro». Così Jeffrey Kluger comincia sul Time il ritratto dell'astrofisica urbinate che lavora da anni all'interno della collaborazione internazionale Ligo-Virgo per la rivelazione delle onde.
Già nominata dalla rivista Nature tra i personaggi scientifici del 2017, Branchesi non si è ancora abituata alla popolarità. «Sono molto emozionata, quello del Time è un riconoscimento davvero inaspettato», ha ammesso a caldo. «Sono onorata dal fatto che, grazie a questa nomination, il nostro Paese e la ricerca scientifica siano riconosciuti a livello internazionale». Ancora più felice, poi, per la tempistica della chiamata tra i magnifici cento. «Questo riconoscimento - sottolinea - ci dà ancora più entusiasmo proprio ora che siamo in attesa del risveglio dei rivelatori, previsto per fine anno». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA