Chi è Babchenko, il giornalista russo anti-Putin che ha inscenato la sua morte

Mercoledì 30 Maggio 2018
Arkady Babchenko è un giornalista e scrittore russo, tra i più famosi corrispondenti di guerra. È sposato e ha una figlia. Nasce nel 1977 a Mosca. Nel 1995, a 18 anni, è arruolato nell'esercito russo. Ha prestato servizio nelle truppe di comunicazione nel Caucaso settentrionale e ha partecipato alla prima guerra cecena e successivamente si è offerto volontario per sei mesi durante la seconda guerra cecena.

LEGGI ANCHE È vivo Babchenko, il giornalista russo dato per morto ieri. 007 ucraini: «Piano per salvargli la vita»

Più tardi ha raccontato le sue esperienze nell'esercito russo nel libro One Soldier's War. Dopo aver lasciato le forze armate nel 2000, ha iniziato a lavorare come corrispondente di guerra per Moskovsky Komsomolets e Zabytyi Polk. Babchenko si è laureato in diritto internazionale presso la Modern University for the Humanities di Mosca.

LEGGI ANCHE L'ira di Mosca: «Operazione di propaganda»

Ha lasciato temporaneamente il giornalismo e ha lavorato come tassista per diversi anni, ma nel gennaio 2009 ha iniziato a lavorare nel giornale russo Novaja Gazeta. Come corrispondente militare, ha seguito la seconda guerra in Ossezia del Sud nel 2008. Babchenko ha anche fondato il progetto "Journalists Without Middlemen" e ha scritto diversi libri sulla sua esperienza in campo militare, vincendo numerosi premi letterari. Babchenko era un editore della rivista Art of War. Nel marzo 2012 era stato avviato un procedimento penale nei confronti di Babchenko per "incitamento alla rivolta" a causa della pubblicazione di un post sulle possibili tattiche dei manifestanti del Movimento per le elezioni giuste.

Babchenko è fortemente critico nei confronti di Vladimir Putin, in particolare dell'intervento militare russo in Ucraina e in Siria. Nel 2017 aveva lasciato la Russia dopo aver ricevuto minacce di morte in seguito a un suo post su Facebook del dicembre 2016 sull'Incidente del Tupolev Tu-154 russo del 2016.

Da febbraio 2017 Babchenko e la sua famiglia hanno vissuto a Praga (Repubblica Ceca), in Israele e a Kiev.
Da ottobre 2017 Babchenko ha lavorato a Kiev, la capitale dell'Ucraina, per il canale TV ATR. Il 29 maggio 2018 era stata diffusa la notizia che il giornalista fosse stato ucciso nella sua abitazione di Kiev, in Ucraina. In un comunicato stampa, il dipartimento di polizia di Kiev aveva affermato che riteneva che Babchenko fosse stato ucciso come rappresaglia per il suo lavoro di giornalista. Il giorno successivo Babchenko è riapparso in una conferenza stampa. La messinscena della morte era uno stratagemma dei servizi segreti ucraini per catturare presunti agenti russi che avrebbero attentato alla sua vita.
Ultimo aggiornamento: 17:55 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani