Antartide, in 25 anni persi 3 mila miliardi di tonnellate di ghiacci

Nell'arco di 25 anni le piattaforme di ghiaccio dell'Antartide si sono ridotte di ben 3.000 miliardi di tonnellate, facendo salire il livello del mare di 8 millimetri: questo dato, pubblicato sulla rivista Nature, è il più preciso mai ottenuto sullo stato di salute del continente bianco, frutto di un grande sforzo internazionale al quale hanno collaborato ricercatori di 44 Paesi, Italia compresa, e le osservazioni fatte da 24 satelliti. Altri quattro articoli pubblicati nello stesso numero della rivista ricostruiscono la storia climatica dell'Antartide e propongono scenari futuri. Complessivamente quello che ne risulta è «lo stato dell'arte delle conoscenze relative all'oceano meridionale», ha commentato il glaciologo Massimo Frezzotti, dell'Enea. Si calcola che a partire dal 1989 la perdita della massa dei ghiacci sia stata calcolata almeno 150 volte, ma mai con la precisione raggiunta adesso.

In generale i nuovi dati «offrono un quadro più coerente rispetto a quello che avevamo in passato», ha detto uno degli autori della ricerca, Giorgio Spada, docente di Fisica della Terra dell'Università di Urbino. Hanno collaborato alla ricerca anche Daniele Melini, dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv) e Valentina Barletta, dell'Università tecnica della Danimarca. Sono fra le decine di autori di 44 Paesi che fanno parte del gruppo Imbie (Ice Sheet Mass Balance Inter-Comparison Exercise). «È lo studio più completo fatto finora sul bilancio di massa del ghiacciaio che ricopre l'Antartide», ha osservato Spada. I dati dei satelliti hanno permesso di misurare con precisione l'aumento del tasso di fusione dei ghiacci in certe regioni dell'Antartide e di vedere che «l'accelerazione è stata sensibile in alcuni settori, come nella zona occidentale».

I dati indicano che dal 1992 al 2017 l'Antartide occidentale abbia perso da 53 miliardi a 159 miliardi di tonnellate di ghiaccio l'anno e che nella zona più popolata, la Penisola Antartica, la perdita sia compresa fra 7 miliardi e 33 miliardi di tonnellate l'anno. Sono dati importanti, ma non bastano: la grande scommessa è riuscire a capire che cosa stia succedendo attualmente, al netto degli eventi che anche in un lontano passato avevano causato lo scioglimento dei ghiacci. Questo è cruciale per definire gli scenari futuri nel modo più accurato possibile, considerando che lo scioglimento totale dei ghiacci antartici potrebbe far salire complessivamente il livello del mare di ben 58 metri.
Mercoledì 13 Giugno 2018 - Ultimo aggiornamento: 18-06-2018 22:15

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2018-06-16 14:01:52
e dove sono finiti quei tre miliardi di tonnellate ,di ghiaccio! Chi l'ha nascosto?Quante caxxate!
2018-06-16 02:13:52
Quella sulla perdita di massa dell'Antartico √® una notizia trita e ritrita, rilanciata e smentita pi√Ļ volte, trattasi di un problema noto nei secoli, che √® del tutto trascurabile e, data la natura vulcanica dell'area, impossibile da indicare nella cause antropiche. La massa totale del ghiaccio antartico √® di circa 27601654 miliardi di tonnellate, cio√® 27.602 miliardi di miliardi di tonnellate. Il totale di quanto perso e segnalato nell‚Äôarticolo su Nature (ripreso in Italia da tutti) √® circa lo 0.011% quindi, il 99.989% del ghiaccio √® ancora l√¨. Ehm...
QUICKMAP