Francia, misteriosi malori tra passeggeri ed equipaggio: atterraggio d'emergenza per un volo easyJet

Francia, misteriosi malori tra passeggeri ed equipaggio: atterraggio d'emergenza per un volo easyJet
di Federica Macagnone
2 Minuti di Lettura
Domenica 15 Ottobre 2017, 18:50 - Ultimo aggiornamento: 16 Ottobre, 16:54

Attimi di tensione a bordo di un aereo easyJet costretto a un atterraggio d'emergenza a causa di alcuni malori sospetti che hanno coinvolti anche il co-pilota.

L'incidente risale al 3 ottobre: il volo EZY2278 era decollato da Palma de Maiorca diretto a Luton quando, dopo un'ora di viaggio, il pilota è stato costretto a un atterraggio d'emergenza a Parigi a causa di alcuni malori. Un passeggero ha raccontato al Sunday Times che al co-pilota è stato somministrato dell'ossigeno, mentre un bambino seduto dietro di lei ha vomitato. Una volta a terra, alcuni funzionari dello scalo sono saliti a bordo e hanno ordinato agli oltre 100 passeggeri di scendere dal velivolo. Diversi passeggeri hanno richiesto l'aiuto dei medici, mentre il co-pilota è stato trasportato in ambulanza al vicino ospedale. EasyJet ha detto che gli ingegneri che hanno esaminato l'aereo hanno identificato la causa in "una perdita di liquido idraulico" che ha causato un forte olezzo ad alta quota. «Possiamo confermare che il capitano ha deciso di deviare su Parigi perché alcuni passeggeri, il co-pilota e un membro dell'equipaggio si sono sentiti male - ha detto un portavoce di easyJet - Ha preso la decisione come precauzione e l'aereo è atterrato in sicurezza».

La compagnia ha escluso che le persone a bordo siano state colpite da “sindrome aerotossica”, ovvero una sindrome provocata dall'inalazione di aria contaminata e per il riconoscimento della quale diverse associazioni di piloti si battono da anni: la diagnosi è controversa e molte industrie dell'aviazione escludono che esista. «Quello che è successo non può essere definito sindrome aerotossica che, tra l'altro, non rientra tra la categorie possibili contemplate da easyJet».

© RIPRODUZIONE RISERVATA