West Nile, un altro turista contagiato dalla febbre del Nilo

A Massa ( Massa Carrara) un turista di una cinquantina di anni, residente nel Novarese, è stato ricoverato nel reparto di malattie infettive del Nuovo Ospedale Apuano per aver contratto il virus della Febbre del Nilo. Lo riporta stamani il quotidiano La Nazione. Si tratta di un virus trasmesso da un particolare tipo di zanzara, originaria dell'Africa. Le condizioni del turista, che ha sviluppato un'encefalite, sono tenute sotto stretta osservazione dall'equipe sanitaria della struttura. Dopo i primi riscontri le indagini sanitarie proseguono. La vicenda inizia giovedì scorso quando il turista si accorge di aver problemi ad un occhio e decide di recarsi al pronto soccorso. Non ha altri sintomi: il cinquantenne viene visitato e tutto sembra apparentemente sotto controllo, anche perché non ha la febbre. Poi però la situazione si complica e il turista ieri pomeriggio torna ancora una volta in ospedale. Questa volta scatta un protocollo sanitario ancora più approfondito. Viene sottoposto a due tac ed insorge una 'febbricolà che non raggiunge le temperature elevate. Il turista viene subito ricoverato nel reparto di malattie infettive. La prognosi è riservata e la diagnosi dei medici è che l'uomo ha contratto la Febbre del Nilo e il suo quadro clinico deve essere tenuto sotto stretto controllo con terapie adeguate.
Domenica 12 Agosto 2018 - Ultimo aggiornamento: 13-08-2018 18:46

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2018-08-12 18:44:02
L'Italia quest'anno è piena di casi di West Nilo, una ventina in pochi giorni in provincia di Venezia, una decina in quella di Ferrara, altri casi qua e la. Le autorità minimizzano, ma le complicazioni encefalitiche ci sono ed i morti pure. Poi leggiamo di signore 35 enni che muoio all'improvviso "per un malore" qua e la. E nessuno fa niente per ridurre l'esplosione di zanzare portatrici, nessuno disinfesta o sfalcia gli incolti, solo chiacchere dei politici regionali.
1
  • 66
QUICKMAP