Tragedia viadotto A14, Ludovica e mamma Marina: l'ipotesi della trappola per entrambe

Marina e Ludovica, madre e figlia, unite in un destino tragico in parte ancora oscuro. Forse entrambe uccise da Fausto Filippone che, prima di lanciare la figlia 11enne dal viadotto dell'A14 e suicidarsi, potrebbe aver spinto la moglie giù da quell'appartamento al terzo piano di una palazzina a Chieti Scalo dove lei non andava mai. E' su questo che si concentrano ora le indagini degli inquirenti, perché i sospetti che ci sia l'ex dirigente della Brioni anche dietro la morte della donna si fanno sempre più solidi. 

LEGGI ANCHE Lancia la figlia da viadotto e si uccide: Chi l'ha visto? diffonde il video choc del salto nel vuoto


Le foto di Marina e Ludovica

Ludovica, che tutti descrivono come una bimba buona e bravissima a scuola, è stata vista camminare mano nella mano con il papà sull'A14 e allontanarsi circa 200 metri dalla macchina prima di essere scaraventata giù. «Vieni con me, ti faccio vedere una cosa», gli avrebbe detto il padre prima di condannarla a morte dopo un volo di 40 metri. Proprio come lei, anche Marina Angrilli, 51 anni, potrebbe aver seguito il marito in quella casa che di solito l'uomo affittava agli studenti perché convinta a seguirlo con una scusa qualunque. Da quelle parti lei, insegnante di lettere e latino al liceo scientifico Da Vinci di Pescara, non si vedeva spesso e finora non si capisce il perché dovrebbe esserci andata da sola.

«L'abbiamo vista l'ultima volta sabato a scuola, alla fine delle lezioni. Era tranquilla come sempre, non c'erano elementi che potessero far pensare a particolari situazioni familiari. Era una persona molto riservata, ma serena, e aveva un ottimo rapporto con gli alunni», ripetono alcune colleghe di Marina Angrilli. La donna «parlava sempre e con grande orgoglio della figlia» Ludovica e spesso mostrava loro delle foto della bimba.
Lunedì 21 Maggio 2018 - Ultimo aggiornamento: 22-05-2018 07:19

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2018-05-22 09:33:37
Vittime di un folle, che qualcuno avrebbe dovuto seguire per evitare che facesse delle vittime. quando ci si renderà conto che una persona fuori di testa non è in grado di rendersi conto della propria mancanza di lucidità e che deve essere curato da chi di dovere, perchè non in grado di farlo da solo? La legge Basaglia è una assurdità perchè parte dal presupposto che un malato di mente sia in grado di curarsi da solo.
2018-05-21 23:40:34
Un altro animale. Come l'episodio a Cisterna di Latina. Niente chiesa per l'uomo e neppure benedizione,
QUICKMAP