Valeria Solesin, Renzi visita la camera ardente a Venezia: «Ciao Valeria, grazie per il tuo esempio»

Valeria Solesin, Renzi visita la camera ardente a Venezia: «Ciao Valeria, grazie per il tuo esempio»
3 Minuti di Lettura
Martedì 24 Novembre 2015, 10:40

«Ciao Valeria, grazie per la tua testimonianza di cittadina e di giovane donna». Questo il pensiero che il premier Matteo Renzi ha voluto lasciare nel libro dei messaggi all'ingresso della camera ardente di Valeria Solesin a Cà Farsetti, sede del Comune di Venezia.

Il presidente del Consiglio si è intrattenuto una decina di minuti all'interno della camera ardente e ha portato le sue condoglianze ai genitori della studentessa italiana morta al Bataclan, Alberto Solesin e Luciana Milani, al fratello Dario e al fidanzato Andrea Ravagnani.

Quindi è uscito senza dire nulla ai giornalisti e, dopo aver salutato il sindaco Luigi Brugnaro, è risalito sul motoscafo che lo attendeva, per ripartire verso l'aeroporto. Poco dopo ha ringraziato la famiglia Solesin su Twitter. «Grazie alla famiglia di Valeria Solesin, un esempio di forza e di dignità», ha scritto.

Come ieri, anche oggi è un pellegrinaggio continuo quello dei veneziani alla salma di Valeria. Un flusso continuo di giovani e meno giovani arrivano per renderle omaggio: tanti si fermano davanti al feretro aggiungendo un fiore a quelli che lo ricoprono, oppure lasciando un pensiero nel libro delle condoglianze.

Le esequie

I funerali, previsti per martedì, saranno laici come ha tenuto a precisare il papà di Valeria, Alberto, perché aperti a tutti. Funerali di Stato, alla presenza del presidente della Repubblica Sergio Mattarella e di altre alte cariche istituzionali. Ovviamente, imponente sarà il servizio di sicurezza con gli uomini delle forze dell'ordine che sorveglieranno strettamente i varchi per entrare in Piazza San Marco. La cerimonia sarà trasmessa in diretta su Raiuno.

E domani sarà per Venezia una giornata di lutto cittadino, come deciso dal sindaco Luigi Brugnaro con bandiere a mezz'asta in tutti gli edifici pubblici e negli alberghi, mentre i commercianti abbasseranno le saracinesche e modereranno le luci dei locali. Come ieri, anche oggi il presidente della Comunità islamica di Venezia Amin Al Hadab è voluto essere presente e ha ribadito che «l'Islam è innocente. Non c'entra nulla con questi attacchi terroristici».

Mentre sulla decisione dei genitori di Valeria di fare funerali civili, il presidente della Comunità islamica di Venezia ha spiegato che «la scelta dei genitori va rispettata. Noi saremo stati presenti sia che fossero stati funerali religiosi che civili: noi vogliamo restare vicini alla famiglia in questo momento, non possiamo lasciarla sola».