Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Friuli, infermiera fingeva di vaccinare: sono oltre 20mila le dosi dubbie

Friuli, infermiera fingeva di vaccinare: sono oltre 20mila le dosi dubbie
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 3 Maggio 2017, 11:35 - Ultimo aggiornamento: 4 Maggio, 18:45

CODROIPO - Mentre l'assistente sanitaria Emanuela Petrillo si difende affermando di aver svolto sempre le vaccinazioni i risultati dei controlli sono chiari. Sono oltre 20 mila le vaccinazioni «dubbie» eseguite a Codroipo (Udine) nei giorni in cui l'assistente trevigiana sospettata era in servizio. Di queste - riferiscono i vertici della task force regionale per i vaccini - 7.500 sono quelle per Esavalente (difterite, tetano, pertosse, poliomielite, emofilo B, epatite B); 4 mila Mnrv (morbillo, parotite, rosolia, varicella); 2 mila per pneumococco; 4.700 per Tbe (encefalite da zecche) e 350 per Hpv (papilloma virus). Saranno ripetute tutte per il principio di massima precauzione.

Una serie di nuovi esami, con valore legale, saranno eseguiti sui soggetti che potrebbero aver ricevuto una "finta" dose di vaccini in Friuli. La necessità è stata manifestata dalla magistratura, secondo quanto ha reso noto oggi a Udine la 'task force" interaziendale, che ha informato la Procura di Udine già dei primi esiti delle analisi. Si sta pertanto definendo un nuovo piano di controlli, che verrà disposto dalla magistratura. «Naturalmente, a quanto ci hanno riferito i magistrati - ha riferito l'Aas3 - gli esami verranno effettuati solo con il consenso dei genitori. Confidiamo tuttavia in una ampia collaborazione da parte di tutti, perché anche l'aspetto legale sia definito in modo completo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA