«Zingari scendete, avete rotto i c...», l'annuncio choc sul treno a Cremona: aperta inchiesta. Salvini: pensiamo ai passeggeri

«Zingari scendete, avete rotto i c...», l'annuncio choc sul treno a Cremona: aperta inchiesta. Salvini: pensiamo ai passeggeri
«I passeggeri sono pregati di non dare monete ai molestatori. Scendete perché avete rotto. E nemmeno agli zingari: scendete alla prossima fermata, perché avete rotto i c...». È il messaggio, lanciato da una voce femminile attraverso gli altoparlanti di bordo, che hanno sentito ieri i passeggeri del treno regionale '2653', che parte alle 12:20 da Milano per Cremona e Mantova. Trenord, che gestisce la tratta, ha aperto un'inchiesta. «Pensiamo prima ai passeggeri», ha detto Salvini.

LEGGI ANCHE Annuncio choc contro gli «zingari», giovane che ha fatto denuncia finisce sotto attacco su Twitter

Secondo La Provincia di Cremona, che riporta la notizia, sono stati numerosi i passeggeri a raccontare l'episodio sui social e a informare via mail Trenord. «Il dispositivo da cui si lanciano quel tipo di avvisi - spiega in una nota la società - non è in cabina e, attraverso una manomissione, può essere accessibile anche ai passeggeri». Secondo fonti ufficiose, tuttavia, sarebbe stata la capotreno del convoglio delle 12.20 diretto ieri da Milano a Cremona a fare l'annuncio. A questa conclusione sarebbe giunta l'indagine interna avviata da Trenord. I possibili provvedimenti che potrebbero essere presi a fine inchiesta coprono tutta la gamma prevista dal contratto di lavoro, dal richiamo verbale, alla sospensione, al licenziamento. L'indagine interna di Trenord è ancora in corso.

 
Trenord già ieri aveva giudicato grave e inqualificabile il messaggio a sfondo razzista diffuso dall'altoparlante. Stando agli accertamenti, valutata prima la possibilità apparsa subito remota e poi rivelatasi infondata di una manomissione del sistema, sentiti tutti gli operatori che erano sul convoglio, si è giunti a una dipendente dell'azienda che gestisce il servizio ferroviario regionale e che in quel momento era nel pieno delle sue funzioni.

 
Mercoledì 8 Agosto 2018 - Ultimo aggiornamento: 09-08-2018 00:06

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 321 commenti presenti
2018-08-09 16:00:21
Invito il sig. Ariano e tutto lo staff del personale di Trenord ad andare in vacanza a Roma e prendere la metro da Termini fino a Piazza di Spagna (tre fermate). Quando si troveranno senza più portafogli capiranno che alla capotreno in questione andrebbe data una medaglia e appuntata al petto con gli onori musicali. Piuttosto un indagine per capire se quei zingari avevano pagato il biglietto? Scommetto che anche nel tanto decantato "Nord" li fate viaggiare "gratis". Alla redazione de Il Messaggero, invece, che parla di "Avviso choc" dico che hanno proprio poca memoria.Neanche è passato qualche mese che già hanno dimenticato la loro inchiesta sulle zingarelle che spadroneggiavano nella metro di Roma! Da ultimo basta con le ridicolaggini: "zingaro" è un termine appropriato e tale lo sarà finchè non si riscriveranno le enciclopedie ed i vocabolari.
2018-08-09 13:30:13
Gasta è blogger dell'Unità....ovviamente non poteva farsi sfuggire l'occasione per mettersi in mostra! Solito benpensante di sinistra, accecato dall'ideologia che lo porterebbe a rinnegare pure la verità più lampante!
2018-08-09 16:07:31
tutti click e popolarità tra l' altro... alla faccia dei rom
2018-08-09 10:49:40
luca66 2018-08-08 20:20:22 ma quale polizia ferroviaria? nel 2011, il sottoscritto e' stato derubato da due zingare su un treno in partenza. Una di queste zingare per darle qualche soldo, mi convinse di aiutarmi a sistemare una pesante valigia nel vano bagagli di un freccia rossa in partenza dalla stazione termini di roma, che era diretto a venezia, quando il treno parti', pochi minuti dopo, mi accorsi che una delle due zingare mi aveva alleggerito del portafogli, le cercai per tutta la lunghezza del treno, nemmeno l'ombra delle due zingare, tentai allora di chiamare con il mio cellulare la polfer, mi rendo subito conto che sul treno non c'era nessuna polfer e nemmeno nessuna possibilita' di contattarli via cellula. Insomma, nei treni di oggni puo' accadere anche un omicidio, oppure rapinare, come nel farwest, tutti i passeggeri di un intero treno, non c'e' nessuno che possa difendere e proteggere i passeggeri. Quindi, dopo quel che costa viaggiare, anche treni italia e' responsabile dei furti e delle violenze che vengono perpetrati puntualmente ogni giorno su i loro treni. Ogni volta che si viaggia su qualsiasi treno o bus o anche fare una passeggiata in un parco, grazie agli ex menefreghisti di destra e di sinistra che hanno fatto invadere il paese dalla piu peggiore feccia umana, gli onesti cittadini o passeggeri di un mezzo pubblico, diventano facile preda di tutta questa feccia clandestina che spadroneggia senza ostacoli in tutto il territorio.
2018-08-09 13:15:33
Come fa ha dire che sono state quelle due ragazze? Non capisco la connessione.
321
  • 1,5 mila
QUICKMAP