Torino, la madre del 17enne che si è lanciato da un ponte: «L'hanno ammazzato i bulli»

«Mio figlio è nato sano. Poi, a sei mesi, dopo un vaccino, si è ammalato. Aveva problemi alle braccia e alle gambe e faticava a muoversi. E c'erano le prese in giro, gli sfottò. Era vittima di bullismo e per questo, prima di compiere 18 anni, si è ammazzato». Lo denuncia Maria Catambrone Raso, mamma di Michele, che il 23 febbraio si è ucciso lanciandosi da un ponte ad Alpignano, nel Torinese. La donna si è rivolta ai carabinieri, che stanno analizzando il computer e il cellulare del ragazzo.

«L'ha ucciso chi lo umiliava», insiste la madre. «Lui aveva voglia di vivere, cercava una pacca sulla spalla, un amico, una ragazza - prosegue -. Ma ha trovato solo risate cattive e porte in faccia». Michele sognava di diventare pasticcere. Aveva diverse passioni: il nuoto, la palestra. «Voleva farsi i muscoli, lui che era così magro», spiega la madre, 51 anni. «Ammirava gli youtuber e aveva caricato anche qualche video online. Faceva di tutto per farsi notare dai suoi coetanei. L'hanno ammazzato i bulli. Gli stessi che hanno continuato a prenderlo in giro anche il giorno del suo funerale. Mai più avrei immaginato che mio figlio arrivasse a tanto».

LEGGI ANCHE: Palermo, la denuncia a 13 anni sull'App della polizia: «Sono vittima di bullismo»
Lunedì 12 Marzo 2018 - Ultimo aggiornamento: 13-03-2018 21:53

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 8 commenti presenti
2018-03-13 13:16:18
Questi ragazzi sono sicuramente identificabili. Ormai la follia social è tale che non ci si fa scrupolo di spargere odio sotto il proprio nome e la propria foto. Cosa gli verrà fatto? Non solo a loro, ma anche ai loro genitori. Come pagheranno? Come gli verrà insegnato l'orrore delle loro azioni? Continueranno a vivere vite felici, libere e violente, oppure riceveranno una qualche forma di punizione e di lezione? Questo voglio sapere. Nomi, cognomi, facce li abbiamo. E adesso?
2018-03-13 12:46:09
Hanno continuato a prenderlo in giro pure il giorno del funerale... questi non sono umani, e come tali andrebbero puniti.
2018-03-13 07:57:45
Povero ragazzo, sperto che possa trovare la pace adesso. Penso alla sua famiglia
2018-03-13 07:54:51
Sono molto vicino al dolore dei genitori. Quando i ragazzi che (non credo consapevolmente) hanno portato a un simile gesto saranno genitori a loro volta, se avranno la sufficiente sensibilitĂ  e maturitĂ  per capirlo, sapranno cosa hanno fatto e l'enorme pena che hanno causato.
2018-03-13 11:54:30
A me non frega nulla se fossero o meno consapevoli (ma ovviamente lo erano, non parliamo di ragazzini di 3 anni), conta solo la tragedia che hanno causato. Questo povero ragazzo voleva solo calore, umanità, vicinanza. In cambio ha ricevuto umiliazioni, vessazioni, prese in giro. Con lui si sono comportati in modo crudele, disumano, cattivo oltre ogni limite. E che non gliene freghi nulla lo conferma il fatto che lo hanno preso in giro anche dentro ad una bara. Per queste persone provo solo repulsione, schifo, pena. Non sono degne neanche di essere annoverate tra il genere "umano" perché di umano non hanno nulla.
QUICKMAP