TERREMOTO

Terremoto, l'esperto: in Calabria due sismi analoghi negli ultimi 40 anni

Sabato 5 Aprile 2014
L'area colpita dal terremoto di magnitudo 5.1 avvenuto al largo della Calabria è stata protagonista di altri due sismi analoghi negli ultimi 40 anni e di un terremoto notevolmente più forte avvenuto nel 1832. In tutti i casi, osserva il sismologo Francesco Mele, dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), è entrato in azione lo stesso meccanismo, per il quale la struttura geologica chiamata "Arco calabro" viene schiacciata tra la pressione della crosta ionica e quella tirrenica.



«Il terremoto di oggi - spiega - è avvenuto in mare, a circa 23 chilometri a Sud Est di Capo Rizzuto e a 66 chilometri di profondità. Nel 1983 un terremoto di magnitudo 5.4 aveva colpito la stessa area, circa 30 chilometri a Nord Est, e nel 1977 un terremoto di magnitudo 5.1 era avvenuto 30 chilometri a Sud Ovest».



In passato, nel 1832, un terremoto di magnitudo 6.5 era avvenuto nel Crotonese. «In tutti i casi - prosegue l'esperto - a essere colpita è la stessa fascia lungo la costa ionica della Calabria». È qui che la struttura chiamata Arco calabro è schiacciata al di sopra della zona in cui la crosta ionica si piega sotto la Calabria e scende in profondità, al di sotto della crosta tirrenica, osserva Mele. «L'Arco calabro - osserva - è una zona molto complessa e studiata. Si trova infatti al confine tra due mondi molto diversi: da un lato la crosta oceanica più sottile che si trova a Nord della Sicilia e dall'altro la microplacca Adriatica che costituisce la zona più settentrionale della placca africana».
Ultimo aggiornamento: 15:09 © RIPRODUZIONE RISERVATA