La Terra è più verde del previsto: foreste aumentate del 7% negli ultimi 24 anni, ma la Fao non è d'accordo

Venerdì 17 Agosto 2018
2
Il mondo è più verde di quello che si pensava. La superficie del pianeta coperta da alberi è aumentata del 7,1% dal 1982 al 2016: 2,24 milioni di km quadrati in più, un'area pari a Texas ed Alaska messi insieme. La deforestazione nelle aree tropicali è stata superata dall'ampliamento delle foreste nei paesi temperati di America, Europa e Asia (dovuta all'abbandono delle colture), dalla crescita di alberi nelle zone polari (a causa del riscaldamento globale), e dai piani di riforestazione in Cina. E poi sono aumentati gli alberi nelle zone montane, segno anche questo di temperature in crescita.

A sostenerlo è uno studio dell'Università del Maryland, basato su foto satellitari e pubblicato dalla rivista Nature. La copertura mondiale di alberi, nei 35 anni dal 1982 al 2016, secondo la ricerca è aumentata da 31 a 33 milioni di km quadrati. L'aumento maggiore si è verificato nelle foreste temperate continentali (+726.000 km quadrati), foreste boreali di conifere (+463.000 km2), foreste umide subtropicali (+280.000 km2), Russia (+790.000 km2), Cina (+324.000 km2) e Usa (+301.000 km2). Il riscaldamento globale ha fatto espandere le foreste nelle zone polari. Dove c'era la tundra, ora crescono gli alberi. Le zone montane hanno visto ugualmente ampliarsi la copertura di boschi, a causa delle temperature in salita e dello spopolamento.

Le zone tropicali nello stesso periodo hanno subito le perdite di alberi maggiori: le foreste umide tropicali (-373.000 km2), le foreste pluviali tropicali (-332.000 km2) e le foreste secche tropicali (-184.000 km2). Il Brasile è il paese che ha visto sparire più superficie alberata, -399.000 km2, più di Canada, Russia, Argentina e Paraguay messi assieme. Ma complessivamente, questa riduzione degli alberi nei paesi caldi è stata compensata e superata dall'aumento nei paesi temperati. I ricercatori del Maryland osservano che i loro dati apparentemente contraddicono quelli della Fao, che parla di una perdita netta di foreste dal 1990 al 2015.

Gli studiosi spiegano che l'agenzia agroalimentare dell'Onu prende in considerazione le foreste, mentre loro valutano la copertura di alberi. Le piantagioni di palme da olio o di alberi per usi industriali che sostituiscono le foreste originarie, per la Fao sono deforestazione, per i ricercatori del Maryland sono sempre alberi.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Romani pronti al rientro ma potrebbero ripensarci

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma