Stadio Roma, altre accuse a Parnasi. Ecco gli incontri con Lanzalone

Venerdì 7 Settembre 2018 di Michela Allegri
Stadio Roma, altre accuse a Parnasi. Ecco gli incontri con Lanzalone

Sono le pagine inedite del verbale della segretaria di Luca Parnasi, Elisa Melegari, a fornire nuovi particolari sull'affaire Tor di Valle. Contengono i dettagli estrapolati dall'agenda elettronica dell'imprenditore e tutti gli incontri con l'ex consulente di punta del Campidoglio, l'avvocato Luca Lanzalone, ai domiciliari per corruzione, e informazioni sui primi contatti tra i due, avvenuti quando il progetto del Nuovo Stadio della Roma era a rischio. Ma non è tutto. Perché i soldi distratti dai conti della società Eurnova e utilizzati per ristrutturare il superattico dove abita e dove si trova agli arresti, in piazza Don Minzoni, con ogni probabilità costeranno una nuova accusa a Parnasi, ora ai domiciliari per associazione a delinquere finalizzata alla corruzione di politici e funzionari comunali. In vista della chiusura delle indagini, la Procura sta valutando di contestargli anche le false fatturazioni, di cui dovrebbe rispondere insieme a due dipendenti. Circa 150mila euro di interventi di restauro, infatti, sarebbero stati fatti passare come lavori effettuati negli uffici di una nuova società del gruppo, la Ampersand.

L'AGENDA
La Melegari, interrogata subito dopo l'arresto di Parnasi e dei suoi collaboratori, il 13 giugno, ha ricostruito con la pm Barbara Zuin tutti gli appuntamenti tra il suo capo e Lanzalone. Un passaggio è significativo e, per gli inquirenti, potrebbe essere una prova dell'inizio della collaborazione - illecita - tra il consulente e il costruttore: «Ho visto il biglietto da visita di Lanzalone e lo ho inserito tra i nostri contatti quando la Raggi voleva bloccare il progetto dello Stadio. Lanzalone era stato nominato consulente del Comune. Luca mi aveva chiesto di chiamare la sua segreteria per fissare con lui un pranzo». Poi, la Melegari ha mostrato ai magistrati l'agenda elettronica in cui ha annotato tutti gli incontri. Il primo appuntamento è dell'11 maggio 2017. Ne seguono molti altri, sia a Roma che a Milano. Il consulente e Parnasi si vedono da soli il 27 luglio 2017 e il 4 agosto. Cenano a piazza di Pietra, a Roma, il 14 settembre, mentre il 3 ottobre fanno colazione al bar Ciampini, a piazza San Lorenzo in Lucina. Il 25 ottobre si incontrano da Doney, in via Veneto. Si vedono tante altre volte, «il 20 dicembre 2017 e ancora il 29», dice la segretaria. Parnasi incontra anche i soci di Lanzalone a Milano il 25 gennaio scorso. Tra gennaio e giugno, si contano altri 7 appuntamenti.

La segretaria parla anche dei contatti tra il suo capo e l'ex capogruppo dei Cinquestelle in Campidoglio, Paolo Ferrara, accusato di avere ricevuto da Parnasi un progetto per il restyling del lungomare di Ostia da spendere con l'elettorato. Agenda alla mano, la Melegari ricostruisce: «Un incontro il 16 gennaio 2018 al Trinity College; un altro il 26 gennaio in Parsitalia e ricordo altri appuntamenti a Ostia».

I POLITICI
Nello stesso verbale, la Melegari aveva fornito agli inquirenti un elenco dei politici che aveva visto sfilare negli uffici di Eurnova e che Parnasi aveva finanziato in chiaro. «Il gruppo usava fare erogazioni liberali in favore di politici; avevo i nomi dei beneficiari e l'importo era sempre lo stesso, ossia 4.500 euro. Alcuni, come Ciocchetti e la Polverini, hanno avuto bonifici di 4.500 euro». E ancora: «Un giorno Luca è venuto da me insieme all'avvocato Mauro Vaglio. Mi dicevano che il bonifico non era andato a buon fine; il mandatario di Francesco Maria Giro mi ha chiesto la delibera ed è stata fatta il giorno stesso, benché retrodata». La donna ha parlato anche di Adriano Palozzi, l'ex vicepresidente del consiglio regionale che si trova ai domiciliari, e di Davide Bordoni, capogruppo di FI in Campidoglio, indagato: «Ho visto Bordoni più volte nel nostro ufficio, sapevo che era un politico e credevo fosse un amico di Parnasi. Anche il suo nome era tra i beneficiari delle erogazioni». Ricorda di colloqui con Michele Civita, ex assessore regionale in quota Pd: «Il curriculum di suo figlio mi è passato tra le mani, il figlio ha avuto un colloquio con Parnasi». Circostanza che, ora, costa al politico l'accusa di corruzione.

Ultimo aggiornamento: 22:16 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

La partitella sulla spiaggia: evento top e incubo bagnanti

di Mimmo Ferretti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma