Scuola Diaz, Corte Strasburgo condanna l'Italia: fu tortura

Scuola Diaz, Corte Strasburgo condanna l'Italia: fu tortura
4 Minuti di Lettura
Martedì 7 Aprile 2015, 10:48 - Ultimo aggiornamento: 8 Aprile, 14:38

Quanto compiuto dalle forze dell'ordine italiane nell'irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 «deve essere qualificato come tortura».

Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l'Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perchè non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura.

La Corte europea dei diritti dell' uomo ha condannato l'Italia sulla base del ricorso presentato a Strasburgo da Arnaldo Cestaro, una delle vittime della perquisizione alla scuola Diaz avvenuta il 21 luglio 2001, alla conclusione del G8 di Genova. Nel ricorso, l'uomo, che all'epoca dei fatti aveva 62 anni, afferma che quella notte fu brutalmente picchiato dalle forze dell'ordine tanto da dover essere operato, e da subire ancora oggi ripercussioni per alcune delle percosse subite. Cestaro, rappresentato dall'avvocato Nicolò Paoletti, sostiene che le persone colpevoli di quanto ha subito sarebbero dovute essere punite adeguatamente ma che questo non è mai accaduto perchè le leggi italiane non prevedono il reato di tortura o reati altrettanto gravi.

Oggi i giudici della Corte europea dei diritti umani gli hanno dato pienamente ragione. Non solo hanno riconosciuto che il trattamento che gli è stato inflitto deve essere considerato come «tortura». Nella sentenza i giudici sono andati oltre, sostenendo che se i responsabili non sono mai stati puniti, è soprattutto a causa dell'inadeguatezza delle leggi italiane, che quindi devono essere cambiate. Inoltre la Corte ritiene che la mancanza di determinati reati non permette allo Stato di prevenire efficacemente il ripetersi di possibili violenze da parte delle forze dell'ordine.

«Tenuto conto della gravità dei fatti avvenuti alla Diaz la risposta delle autorità italiane è stata inadeguata». Afferma la Corte europea dei diritti dell'uomo che ha stabilito che ad Arnaldo Cestaro devono essere versati 45 mila euro per danni morali. I togati ritengono la risposta dello Stato italiano inadeguata non solo perchè i responsabili materiali delle percosse subite da Arnaldo Cestaro non sono mai stati identificati, anche perchè «la polizia italiana ha potuto impunemente rifiutare alle autorità competenti la necessaria collaborazione per identificare gli agenti che potevano essere implicati negli atti di tortura». Ma soprattutto perchè alla fine del procedimento penale nessuno è stato condannato per quanto è accaduto a Cestaro e alla Diaz. I reati ascritti sono caduti in prescrizione. Ed è qui che i giudici ritengono sia la vera falla strutturale che ha permesso i fatti della Diaz e l'impunità dei colpevoli. «Questo risultato, secondo la Corte, non è imputabile agli indugi o alla negligenza della magistratura, ma alla legislazione penale italiana che non permette di sanzionare gli atti di tortura e di prevenirne altri».

«Quando abbiamo detto che c'erano stati casi di tortura siamo stati presi per pazzi e noi avevamo solo citato i principi della corte europea di giustizia». Lo ha detto Enrico Zucca che sostenne l'accusa nei processi per i fatti della Diaz. «Questi fatti sono gravissimi per l'Italia perchè hanno visto coinvolti i vertici delle forze di polizia che hanno ricevuto in questi anni attestazioni di stima e solidarietà come se non fossero stati coinvolti da questi fatti e mi rifiuto di credere che non abbiano funzionari migliori di quelli che sono stati condannati», ha aggiunto.

Il padre di Carlo Giuliani. «Quello di oggi è un passo importante, significativo. Un passo che si attendeva da tempo e che spero costringerà questo nostro povero Paese a prendere il provvedimento tanto atteso di introdurre il reato di tortura nell'ordinamento italiano». Lo ha detto all'Adnkronos, Giuliano Giuliani, padre di Carlo, il ragazzo ucciso a luglio del 2001 in piazza Alimonda durante gli scontri di piazza nell'ambito del G8 di Genova, commentando la sentenza della Corte europea dei diritti umani. «Spero, anche se è difficile sperare ancora, che questo Paese in ritardo su tutto - ha aggiunto Giuliano Giuliani - raggiunga ora gli altri paesi civili ed affronti la questione seriamente e introduca il reato di tortura».

© RIPRODUZIONE RISERVATA