La scuola vieta la foto di classe: «C'è il diritto alla privacy»

Domenica 27 Maggio 2018
9
MILANO C’è il bambino più alto posizionato sempre in ultima fila, le bimbe sedute davanti, c’è chi ride, chi ha il broncio e chi guarda da un’altra parte. L’insieme, alla fine, ha un che di solenne, tenero e sgangherato allo stesso tempo. Ma comunque venga la foto di classe è un ricordo prezioso, che i genitori conservano nel cassetto. Sempre che venga scattata. Perché quest’anno all’istituto comprensivo di Cervignano, in provincia di Udine, è stata vietata: «Questione di privacy», ha stabilito la dirigenza.

«E’ SUFFICIENTE UNA LIBERATORIA»
Se oggi la vita viene filtrata dai telefonini e dai social network, e le immagini finiscono ovunque, un’innocua quanto tradizionale foto di classe, scattata da un professionista e acquistata da mamme e papà, si scontra con il «diritto alla riservatezza propria e altrui». La giornata prescelta per lo scatto di gruppo alle elementari di Cervignano era il 24 maggio, ma dopo vari tira e molla, riunioni e un bando pubblico per la scelta del fotografo, pare sia stata la preside Tullia Trimarchi a dire di no. «Le insegnanti ci hanno comunicato che la dirigente non ha autorizzato la foto, disattendendo quanto in precedenza deliberato dal consiglio d’istituto», spiega Vincenzo Squeo, rappresentate di classe nell’istituto di via Firenze.

Che sulla pagina Facebook della scuola (appunto) affronta la questione: «Visto che sono parte in causa posso dire qualcosa di più. La foto di classe è stata bocciata più volte, ognuna con motivazioni differenti, la privacy l’ultima che abbiamo appreso dai giornali. Inizialmente il problema era che la fotografia non rientra nel piano per l’offerta formativa triennale e che la scuola non può favorire attività private. Proprio per questo la direzione scolastica ha indetto un bando, per ovviare al problema in modo da trovare un professionista unico per tutti. E’ stato trovato, ma l’autorizzazione è stata negata nuovamente, stavolta senza motivazione e senza comunicazione nemmeno al fotografo». Prima, sottolinea Squeo, «è stato detto per problemi organizzativi, oggi scopriamo per la privacy. Premesso che ci sarebbe la privacy adesso come c’era ad aprile, la questione è superabile con una semplice liberatoria come quella che si firma a inizio anno».

DIRITTO ALLA RISERVATEZZA
L’istituto però non lascia spazio a ripensamenti, fa sapere che in una riunione «è stato ripreso il delicato argomento della foto di classe, rivedendone le modalità di effettuazione». Il comprensivo di Cervignano precisa di essersi attivato «per trasmettere ai ragazzi la consapevolezza del diritto alla riservatezza, in particolare per ciò che riguarda le immagini» e che la foto non rientra nel piano di offerta formativa. Dunque come va a finire? Che per quest’anno - avvisa la dirigenza - lo scatto potrà essere fatto all’esterno della scuola, al mattino prima dell’ingresso dei ragazzi, previa accordi tra insegnanti e genitori. E magari niente fotografo: basta un bel selfie da postare su Facebook.
Ultimo aggiornamento: 28 Maggio, 20:30 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Nel bagno delle donne il messaggio che gli uomini non scriverebbero mai

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma