Milano devastata, fermati 5 francesi a Genova. Prelievo dna su 14 greci

Milano devastata, fermati 5 francesi a Genova. Prelievo dna su 14 greci
3 Minuti di Lettura
Domenica 3 Maggio 2015, 18:31

Cinque francesi arrestati a Genova dentro un appartamento dove nascondevano biglie, bulloni e cartine di Milano e quattordici greci fermati vicino ad una casa occupata nel capoluogo lombardo, sottoposti a prelievi del Dna, indagati e rilasciati. Prosegue la caccia degli investigatori per individuare almeno una parte dei circa cinquecento black bloc che due giorni fa, approfittando del corteo 'No expo', hanno devastato le strade milanesi, bruciando auto, negozi e banche, sfondando vetrine e colpendo con bastoni alcuni agenti.

Mentre i cinque italiani arrestati venerdì scorso attendono a San Vittore gli interrogatori davanti al gip, fissati per domani, gli agenti della Digos la scorsa notte hanno fermato cinque francesi (quattro uomini e una donna di età compresa tra i 20 e 25 anni) che, dopo aver danneggiato alcune auto, erano rientrati in una casa nel centro storico di Genova, dove sono state trovate tute nere, maschere e indirizzi di riferimento di Milano. Oltre a bombolette spray, striscioni contro l'Expo e scontrini di pedaggi autostradali risalenti al primo maggio. Accusati di danneggiamento e resistenza sono stati portati nelle case circondariali di Marassi e Pontedecimo e il sospetto è che possono aver partecipato alla guerriglia del 'blocco nero'.

Tutto il materiale sequestrato, tra cui anche un'auto, sarà passato al setaccio e nelle prossime ore gli atti saranno trasmessi dal pm di Genova Federico Manotti alla Procura di Milano che coordina le indagini che vedono al momento, a seguito dell'attività di Digos, carabinieri e polizia locale, tra i 30 e i 40 indagati per vari reati, dalla devastazione alla resistenza fino al porto di armi improprie. Fino all'una della scorsa notte la Digos milanese ha effettuato 'prelievi biologici coattì, su richiesta del procuratore aggiunto dell'antiterrorismo Maurizio Romanelli, nei confronti di 14 greci bloccati in via Washington, non lontano da una casa occupata da alcuni antagonisti milanesi. Portati in Questura per essere identificati, sono stati sottoposti a prelievi di Dna, a cui si era opposto il legale Eugenio Losco.

I campioni di materiale biologico raccolti potrebbero essere utili per una comparazione con quelli rintracciati sugli oggetti sequestrati dagli investigatori, come tute nere, caschi, mazze, bastoni, molotov e bombe carta. I greci sono stati denunciati a piede libero per resistenza a pubblico ufficiale aggravata e stamattina sono rientrati in patria con un aereo. Nel frattempo, è stata convalidata dal Tribunale di Milano l'espulsione di un tedesco, Daniel Frank, che era stato arrestato nel corso di un blitz preventivo della Digos martedì scorso e poi scarcerato.

Domani mattina, a partire dalle 11, i tre uomini e le due donne, arrestati con l'accusa di resistenza a pubblico ufficiale aggravata dall'uso di mazze, bastoni e pietre e dal numero di persone, si troveranno davanti al giudice Donatella Banci Buonamici che dovrà decidere se convalidare gli arresti e disporre la custodia cautelare in carcere, come richiesto dal pm Piero Basilone. Negli atti la polizia ha evidenziato come i cinque avrebbero fatto parte del grosso «gruppo» di black bloc che si è staccato dal corteo per contrapporsi alle forze dell' ordine, rovesciando bidoni della spazzatura incendiati e lanciando bottiglie e bastoni.

Tra gli arrestati ci sono una donna di 42 anni, Heidi P. di origine tedesca ma residente a Milano, con precedenti per furto e droga, un'altra donna di 33 anni, Anita, milanese e con un precedente per resistenza a pubblico ufficiale, un giovane di 23 anni, Jacopo P. di Rozzano (Milano) che lavora come commesso e non ha precedenti. E poi un lodigiano di 27 anni e un uomo di 32 anni che vive ad Alessandria. Intanto, gli investigatori continuano a lavorare sulle immagini riprese da media, telecamere di sorveglianza e cittadini.

© RIPRODUZIONE RISERVATA