Omicidio a Rozzano, arrestato il fratello dell'imprenditore: l'avrebbe ucciso per invidia

Lunedì 25 Gennaio 2016
Luca Tromboni

Il caso dell'omicidio dell'imprenditore di Rozzano sembra essere vicino alla risoluzione.

I Carabinieri del Comando Provinciale di Milano hanno arrestato questa mattina all'alba il fratello di Luca Tromboni, l'imprenditore cinquantenne che fu rinvenuto cadavere, ucciso a colpi di arma da fuoco, all'interno dell'azienda di famiglia, il 20 Marzo 2015 a Quinto dè Stampi, una frazione di Rozzano.

In manette è finito Sandro Tromboni, fratello della vittima, su cui si erano concentrati i sospetti già poche ore dopo l'omicidio. I militari del Nucleo Investigativo, al termine di complesse e minuziose indagini, hanno demolito l'alibi dell'uomo, portando alla luce i sentimenti di astio e di risentimento che nutriva nei confronti del fratello, la cui uccisione avrebbe lucidamente organizzato, pianificato ed eseguito per forti rancori personali e professionali riconducibili alla conduzione della ditta, di cui erano soci.

Ultimo aggiornamento: 26 Gennaio, 14:38 © RIPRODUZIONE RISERVATA