Mafia, nuove rivelazioni del confessore dei boss: «Provenzano voleva costituirsi»

Mafia, nuove rivelazioni del confessore dei boss: «Provenzano voleva costituirsi»
1 Minuto di Lettura
Mercoledì 27 Settembre 2017, 11:59 - Ultimo aggiornamento: 28 Settembre, 13:45

«Provenzano voleva dissociarsi nel 1993». C'è un nuovo capitolo in una delle pagine più oscure e drammatiche della storia d'Italia. A rivelarlo è Don Giacomo Ribaudo, che al tempo era parroco di Maria Santissima del Carmelo ai Decollati a Palermo. Ribaudo proprio nel 1993 fece un appello televesivo in cui chiedeva ai mafiosi di convertirsi.

«Alcuni di questi mi incontrarono dicendosi disposti a consegnarsi a condizione che, oltre a uno sconto di pena, non avrebbero mai rivelato nomi o fatti». E tra questi ci sarebbe stato pure il boss Bernardo Provenzano, già latitante da 30 anni. Ribaudo è stato confessore di parecchi mafiosi. Secondo quanto riportato dal sacerdote in un'intervista, della volontà di Provenzano erano a conoscenza i magistrati della Procura di Palermo. «Ho trovato un muro di gomma. C'è stato un rifiuto netto e categorico di accogliere le istanze dei mafiosi, perché mi risposero, lo Stato non tratta con la mafia».

© RIPRODUZIONE RISERVATA